Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Collezione Dzeko. Giro d’Italia dei gol, Edin l’implacabile fa tappa a Lecce

Il bosniaco è a quota 30 reti in trasferta

Edin Dzeko finora in Italia ha segnato 30 gol in trasferta, timbrando il cartellino in 16 città diverse (compresa la “sua” Roma, dove ha segnato un gol in un derby esterno). Oggi, invece, si presenterà per la prima volta in vita sua allo stadio “Via del Mare di Lecce” e la voglia, ovviamente, è quella di marchiare la partita a fuoco. Almeno con un gol, il trentunesimo esterno nella Serie A.

E allora il Lecce è avvertito, anche se Fabio Liverani (tifoso giallorosso) lo sa bene. Con i tre gol segnati in questo avvio di campionato Dzeko è salito a quota 65 complessivi in Serie A. Di questi, 35 li ha messi a segno all’Olimpico, nel prato di casa sua, e trenta nelle gare esterne. Le sue città preferite sono Napoli e Bologna, dove ha già messo a segno 4 reti. Poi la Scala del calcio, con il Meazza (sempre colorato di rossonero) che lo ha visto protagonista tre volte e i due sigilli messi a segno a Reggio Emilia (contro il Sassuolo), Verona (contro il Chievo) e Genova (contro la Sampdoria). Insomma, nel suo giro d’Italia Edin ha già segnato un po’ ovunque, toccando anche le punte estreme dell’Italia: da una parte Udine, dall’altra Crotone. Oggi tornerà il modulo di sempre, quel 4-2-3-1 che permetterà a Dzeko di sentirsi un po’ meno solo rispetto alla partita persa mercoledì scorso all’Olimpico. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa