Resta in contatto

Rassegna Stampa

Spinazzola: “Le big volano? Dateci tempo, la Roma crescerà”

Leonardo Spinazzola incrocia le dita e si gode il ritorno in Nazionale

Con una precisazione che sa tanto di messaggio a Fonseca: «Se gioco a sinistra da tutta la vita c’è un motivo. Mi trovo meglio lì: se devo giocare a destra lo faccio, ma il mio calcio cambia. E’ questione di abitudine: posizione del corpo, coordinazione. Ci vuole pazienza perché so che nella Roma c’è Kolarov che è fortissimo».

Proprio a sinistra il terzino potrebbe tornare a giocare dal 1′ pure in azzurro visto l’infortunio di Emerson Palmieri che a Roma ha lasciato parecchi rimpianti. L’inizio stagione di Spinazzola non è stato esaltante a causa di un infortunio muscolare che gli ha impedito di giocare il derby. Poi il rientro tra luci e ombre emerse soprattutto nelle ultime due sfide a Wolfsberger e Cagliari. Leonardo, a cui non manca mai il sorriso sulla faccia, è ottimista:

«Distacco dalle big? Siamo tutti lì, è normale che la Juve abbia ancora qualcosa in più. La Roma ha cambiato allenatore, tanti giocatori, ha una nuova visione del calcio: Fonseca è un allenatore che crea tante aspettative, anche dentro lo spogliatoio. Mi piace, è positivo». Meno positivo è il dato sui gol fatti dalla Roma (Dzeko a parte) soprattutto nelle ultime settimane. Ma Spinazzola spiega: «E’ un dato fine a se stesso: nelle ultime partite abbiamo creato tantissimo e raccolto poco. A volte tiri tanto e fai a malapena un gol, e pure fortunato, come è successo con il mio in EuropaLeague. Ma c’è tanto tempo per risalire». Lo riporta Leggo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa