Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Dzeko: “Sarà una bella partita e speriamo di vincerla”

Le parole del numero 9 giallorosso nel pre-partita di Roma-Napoli

Edin Dzeko ha parlato ai microfono di Sky Sport Roma Tv nel pre-partita di Roma-Napoli. Queste le parole del centravanti bosniaco:

Sfida da Champions…
“Ancora è presto per parlarne ma sicuramente è una bella partita con due squadre che vogliono giocare a calcio. Speriamo di vincere”.

Roma sempre più consapevole della propria forza, nonostante gli infortuni…
“Ne siamo sempre convinti. Speriamo di recuperarli, oggi chi c’è c’è e dobbiamo dare tutto”.

Tu come stai?
“Sto bene, con la maschera vedo meno ma almeno posso correre (ride, ndr)”.

Dopo la brutta parentesi di Genova avete ripreso a tirare e a fare gol. Come è intervenuto Fonseca nella parte offensiva?
“Non solo sulla parte offensiva, abbiamo parlato subito dopo la Sampdoria non solo col mister ma anche col direttore sportivo e ci hanno detto che così non andava bene. Io penso che non abbiamo fatto abbastanza per vincere quella partita, così non si poteva andare avanti. Poi siamo cambiati e speriamo di andare avanti così”.

E’ una sorpresa stare davanti al Napoli? Loro erano partiti per provare a vincere il campionato e siete un punto sopra…
“Non so se sia una sorpresa o no, è ancora troppo presto per parlare di queste cose perché c’è tanto da giocare ancora. Oggi c’è il Napoli e tutte e due le squadre stanno bene. Speriamo che sia una bella partita e di poter vincere”.

Hai imparato un trucco per battere Manolas?
“Kostas è tornato ed ho parlato con lui negli ultimi giorni. E’ rientrato da un infortunio. Mi conosce bene e io conosco bene lui, speriamo in una bella partita”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra