Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, un pieno di Veretout

Il centrocampista francese si sta rivelando l’arma in più del centrocampo romanista. Manca solo il gol per coronare un splendido inizio di stagione

I tanti infortuni hanno falcidiato la Roma, sopratutto a centrocampo. La zona mediana del campo è sicuramente il reparto più falcidiato, ma grazie anche alla resistenza di Veretout il problema per ora sembra essere quantomeno arginato. Il francese poi si sta rivelando una vera e propria arma in più nell’arsenale tecnico di Fonseca. Dopo i problemi fisici di inizio stagione, che l’hanno costretto a saltare le prime due giornate di campionato, è diventato un titolare inamovibile nel centrocampo giallorosso.

Ha istinto da incursore e talvolta sbaglia per troppa frenesia, ma la cosa impressionante è la sua condizione: quando gli altri calano lui ha sempre uno sprint o uno strappo in più. Quello che gli continua a mancare però è il gol, almeno su azione. Nel biennio viola ne ha realizzati complessivamente 15, ma 11 sono arrivati su punizione o rigore, esecuzioni che alla Roma gli sono per lo più escluse. Il suo destro è diventato un’arma letale sui calci d’angolo, che stanno diventando una risorsa importante per Fonseca. Qualità e resistenza: il duracell dei giallorossi avrà tempo e modo di tirare il fiato, ma ora è il momento di dare il massimo visto tutti gli infortuni. Lo riporta il quotidiano Corriere dello Sport. 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa