Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Hans Muller: “Il ‘Gladbach è una grande sorpresa. Con la Roma partita da 50 e 50”

Parla l’ex centrocampista tedesco

Hans-Peter Muller, ex centrocampista tedesco, campione d’Europa nel 1980 e vice campione del mondo nel 1982, ex Inter e Como, è intervenuto ai microfoni di Tele Radio Stereo per parlare del match di domani sera tra la Roma e il Borussia Monchengladbach:

M’Gladbach primo in classifica in Bundesliga.
“E’ una grandissima sorpresa, nessuno si aspettasse potessero giocare così ma è dovuto anche al fatto che il Bayern Monaco e il Borussia Dortmund non stanno convincendo fino ad ora e il ‘Gladbach ne sta approfittando. Hanno giocatori molto valiti ma la forza più grande è il collettivo”.

Che partita si devono aspettare i tifosi della Roma?
“Il Borussia Monchengladbach è una squadra piena di convinzione, non si nasconde sulle fasce hanno buoni giocatori. Patrick Hermann mi piace molto, è svelto e sa saltare uno o due uomini. E’ una partita da 50 e 50 perché ho rispetto per la Roma, però il ‘Gladbach non è una squadra da non prendere sotto gamba perché nessuno si aspettava potesse fare così bene”.

Marcus Thuram?
“Avendo il 10 sulla schiena non può che essere un ragazzo di carattere. Sta approfittando del fatto che la squadra ha creato una nuova mentalità con il nuovo allenatore. Sicuramente la classe non gli manca”.

Rose?
“Non lo conosceva nessuno qui in Germania, non era sicuramente sulla lista dei grandi allenatori però sta facendo un buon lavoro. Ha i piedi per terra e sa come prendere individualmente i giocatori. Ha un gruppo composto da ragazzi di esperienza e da giovani forti e riesce a gestirli benissimo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News