Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Bonhof (vice pres. Borussia): “Stasera puó essere decisiva”

“Zaniolo mi ha impressionato”

Rainer Bonhof, vice presidente del Borussia M’Gladbach, è stato intervistato nel pre-partita della sfida contro la Roma. Queste le sue parole:

BONHOF A ROMA TV

Sono vicepresidente del club da 10 anni e, come ogni persona che dirige un club che è anche la sua squadra del cuore, sogno di vincere un titolo. Giocare il campionato al meglio è un nostro obiettivo così come il percorso in Europa, non si sa mai se prendi una strada negativa o meno perché può capitare di avere 10-11 infortunati. L’idea però è di arrivare tra i primi. Può essere una partita decisiva perché 2 punti sono veramente pochi. Nessuno si aspettava che potessimo perdere la prima partita con molta differenza di gol col Wolfsberger. Thuram, Zakaria, quasi tutti i nostri giocatori sono giovani. Nell’ultima gara in Europa contro la Roma avevamo in campo 7 giocatori Under 23. Penso che la Roma e il Borussia non possano essere messe a confronto. Il Gladbach è posto in una parte della Germania dove è necessario coltivare i giovani che scopriamo. Roma è Roma, una città grande, il centro della politica e del calcio”.

Zaniolo?
Mi ha letteralmente impressionato all’andata. Il campo è casa sua, ha giocato una gara fantastica e ha segnato. Credo che debba lavorare intensamente per diventare una stella in futuro. Ci aspettiamo una gara che diverta il pubblico e noi, ma vogliamo una vittoria perché giochiamo in casa e in casa siamo forti

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News