Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fermate il calcio. Allarme di Fonseca: «Troppe partite, squadre stanche e poco spettacolo»

Il portoghese è convinto: “Si gioca troppo”

«Mi taglierei lo stipendio per giocare meno partite». Fonseca lancia una provocazione destinata a far discutere alla vigilia della sfida di ritorno col Borussia Mönchengladbach. Una gara che può determinare il cammino in Europa League e che la Roma dovrà affrontare con una rosa rinfrancata dalle tre vittorie in campionato ma oggettivamente stanca visti i tanti infortuni. Da qui l’idea di Fonseca che probabilmente sarà condivisa da tanti colleghi viste le recenti lamentele: «Sono disposto a perdere denaro per avere miglior spettacolo. A tutti piace godere di uno spettacolo da casa, ma al momento si gioca troppo e fisicamente comporta problemi che impediscono alle migliori squadre di avere a disposizione i migliori giocatori. Se non si gioca il campionato si giocano le competizioni europee e se non ci sono quelle ce ne sono di nuove che vengono inventate per le nazionali. Va ripensato tutto questo, serve razionalità».

Quella che è mancata all’andata all’arbitro Collum: «Ma è roba passata, non dobbiamo pensare all’arbitraggio dell’andata e al rigore ma a lottare per vincere una gara difficile contro un grande club. Sarà diversa rispetto all’andata. Turn over? Vorrei tanto poterlo fare, ma non posso. Florenzi potrebbe giocare in difesa o in attacco, vediamo».
Lo riporta “Leggo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa