Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Santon: “Perdere così fa male. Ora testa a domenica”

Il terzino giallorosso: “Forse abbiamo buttato via qualche occasione. Dopo siamo riusciti a pareggiarla. Potevamo andare in vantaggio, ma il calcio è anche questo”

Davide Santon, difensore della Roma, è stato intervistato durante il post-partita di Borussia-Roma 2-1. Queste le sue parole:

SANTON A ROMA TV

Perdere così brucia molto…
Fa male. Specialmente all’ultimo minuto dopo aver disputato una buonissima partita. Forse abbiamo buttato via qualche occasione. Dopo siamo riusciti a pareggiarla. Potevamo andare in vantaggio, ma il calcio è anche questo. Dobbiamo accettare questa sconfitta anche se fa male e pensare a domenica, alla partita col Parma.

Cosa è successo all’ultimo minuto? Forse un po’ di stanchezza?
Sì, un po’ di stanchezza. Poi ad un certo punto viene buttata una palla dentro, l’attaccante si trova in una posizione perfetta e riesce a far gol. Questo è il calcio, è dura e fa male ma dobbiamo reagire. Non dobbiamo buttarci giù, stiamo facendo bene. E’ importante vincere domenica a Parma, poi riposarsi due settimane nella pausa e continuare a lavorare come stiamo facendo.

Petrachi ha detto “Santon è la dimostrazione che Fonseca sceglie i giocatori migliori al momento”. Avvertite anche voi questa sensazione?
Certo, io è dall’inizio della stagione che lavoro duro. Mi alleno sempre per migliorare. Il mister mi sta dando fiducia e io cerco di ripagarla al meglio. Penso di aver fatto una buona prestazione, è ovvio che il risultato della squadra fa male, non sono contento al 100% ovviamente. Perdere così è dura.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra