Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Focus

L’analisi del KO di Parma con i numeri di AS Roma Data (TWEET)

Seconda sconfitta stagionale in campionato, seconda sconfitta di fila dopo la trasferta tedesca. La Roma è stanca, la pausa sarà determinante

La Roma esce sconfitta dalla sfida del Tardini di Parma, a causa sopratutto della stanchezza accumulata dalla squadra, costretta a schierare in campo gli stessi 11 ormai da settimane. Ma non solo: il KO di ieri è anche figlio di un catenaccio sapientemente orchestrato da D’Aversa, che ha saputo punire la Roma nel miglior momento dei giallorossi. Per capire meglio il match di ieri, analizziamolo assieme alle statistiche del profilo Twitter AS Roma Data.

Già nella prima metà di gioco possiamo osservare il canovaccio tattico dei crociati: il Parma attende la Roma, per poi provare a colpire sopratutto con lanci lunghi verso Cornelius.


La prima metà di gioco vede i giallorossi padroni assoluti del campo, con il 60% di possesso palla e 266 passaggi eseguiti, contro i 160 del Parma. Eppure i tiri in porta effettuati dai padroni di casa sono di più di, segno di un atteggiamento voluto dalla squadra di D’Aversa.


Nella ripresa la partita si trasforma, ma il piano tattico resta lo stesso: il Parma attende la Roma nella sua metà campo, per poi sfruttare il momento giusto e provare a colpire in contropiede. La squadra di Fonseca prova ad aggredire i gialloblu chiudendoli nella propria metà campo, ma la stanchezza dei giallorossi non fa altro che portare acqua al mulino del Parma.


Alla fine dei 90 minuti, nonostante le maggiori occasioni create e il possesso palla superiore, la Roma non riesce ad uscire con i 3 punti, ma anzi insacca anche il secondo gol, che sancisce il definitivo KO.


Non tutto però è da buttare: nonostante le tante difficoltà la Roma riesce comunque a creare tanto, grazie sopratutto alle giocate personali dei suoi interpreti: Kluivert e Zaniolo, vista anche la giovane età, sono forse i due romanisti che meno risentono della fatica accumulata nelle ultime gara. L’olandese ieri ha messo a segno l‘82% dei passaggi, centrando lo specchio della porta 3 volte su 4, ed effettuando 7 dribbling riusciti.


Zaniolo ha invece mostrato la sua grinta e la sua tenacia creando 2 passaggi chiave, centrando lo specchio 1 volta sui tre tiri effettuati, e vincendo il 67% dei dribbling tentati.


Altro dato interessante sulla partita del gioiellino giallorosso è il numero di falli contro fischiati in questa prima parte di stagione, ieri arrivati a 27. Nessun giocatore ha visto così tante volte l’arbitro avvicinarsi per fischiargli contro.


I due giovani sono il perno da cui ripartire dopo la sosta, una battuta d’arresto in un momento così delicato della stagione, non deve compromettere il grande lavoro svolto fino ad oggi da Fonseca.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Focus