Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Langeler (Dir. sviluppo nazionali giovanili olandesi): “Kluivert sta crescendo tantissimo”

Il mister che ha fatto debuttare il giallorosso nell’Under 21 olandese: “Sto seguendo i suoi progressi, i tifosi possono stare tranquilli: tra poco vedranno tutte le sue capacità”

Intervenuto in diretta a Teleradiostereo, Art Langeler, direttore dello sviluppo delle nazionali giovanili olandesi, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:

Mister, lei lo fece debuttare con l’Under 21 orange: che opinione ha di Justin Kluivert?  
Sta crescendo molto, è arrivato giovanissimo in Under 21, quando poteva esser convocato in U19 ma si vedeva che c’era talento. Ora sta facendo un percorso importante nella Roma.

Fonseca sta lavorando bene con lui? Ha visto le ultime partite della Roma?

Kluivert è un grande talento, lo sta dimostrando anche nel campionato italiano. Fonseca sta lavorando molto bene sia con lui che con la sua squadra.
Nelle ultime settimane ho visto alcune partite della Roma, specialmente quelle in cui cui c’era Justin in campo e ho visto un giocatore che sta imparando in fretta.

Qual è il vero potenziale di Kluivert?
Non c’è molto da attendere, ha grandi qualità per affermarsi in Italia. I tifosi stiano tranquilli, manca poco.

Cos’è successo a Karsdorp? Come mai ha fallito in giallorosso?

Ha avuto un gravissimo infortunio, questo è il principale motivo per cui non ha funzionato la sua storia con la Roma. Ora è tornato al Feyenoord, un ambiente che conosce e dove può rilanciarsi. Infatti è tornato a giocare con una discreta continuità.

De Ligt ha avuto un inizio complicato in Serie A: quali sono le ragioni?

E’ giovanissimo, ha bisogno di imparare, di ambientarsi, deve conoscere meglio il calcio italiano. Stiamo parlando però di un giocatore forte, molto forte, anche pericoloso quando va all’attacco. Ma ha bisogno di tempo.

Qual è il segreto della rinascita del calcio olandese, dopo anni complicati?

Molto semplice, c’è stato un ricambio generazionale: i fenomeni di un tempo si sono ritirati tardi e hanno lasciato campo ai nuovi. Magari ci sono meno talenti, ma abbiamo ottimi prospetti, sui quali stiamo lavorando con i nostri tecnici. Non c’è nessun segreto, solo il lavoro fatto e che continueremo a fare.

Ci può suggerire qualche talento olandese? Noi stiamo seguendo con attenzione le gesta di Myron Boadu dell’AZ.
Myron è molto forte, ma il nostro panorama calcistico sta offrendo molti talenti in questo momento. Per esempio la nostra U17, che sta giocando un ottimo mondiale in Brasile ed è approdata alle semifinali.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News