Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Sabatini: “Pastore? A Roma sta giocando un brandello del suo calcio”

L’ex direttore sportivo giallorosso: “Quando l’ho portato al Palermo sembrava di essere in una fiaba. La prima volta che ha giocato ho visto Zamparini piangere”

Walter Sabatini è tornato allo Stadio Olimpico per prendere parte all’evento del Social Football Summit, che si è tenuto ieri e oggi nella sala conferenze delle stadio romano. L’ex direttore sportivo delle Roma ha avuto modo di parlare anche della società giallorossa e dei suoi giocatori, uno su tutti Javier Pastore, che lui ha portato a giocare in Serie A ai tempi del Palermo: “Quando ho visto Pastore pensavo fosse uno scherzo. Non credevo che a vent’anni si potesse giocare in quel modo. Quando l’ho portato al Palermo sembrava di essere in una fiaba. La prima volta che ha giocato ho visto Zamparini piangere per la commozione. Quando è venuto a Roma mi sono rammaricato delle prime partite che ha fatto, senza ritmo. Ora sta rigiocando un brandello del suo calcio. Era l’uomo dei sogni. Kolarov non lo conosceva nessuno, è arrivato alla Lazio e si è imposto subito”.

Sabatini ha poi proseguito sulla questione stadio, che in questi giorni con le voci su un possibile passaggio di proprietà è un argomento di grande importanza: “Ma per quale motivo a Frosinone riescono a fare uno stadio un anno e non si riesce a farlo a Roma che è una città da tre milioni e mezzo di abitanti? Gli stadi servono, serve coesione tra politica e sport. È sempre una lotta di potere che rimanda indietro l’orologio. Io sono un ottimista”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News