Resta in contatto

Rassegna Stampa

Zaniolo: vinco con la Roma e con l’Italia

Le parole del numero 22 giallorosso: “Devo tanto a Mancini che mi ha chiamato quando nessuno mi conosceva. Un rimpianto è quello di non aver dato il massimo all’Europeo Under 21″

Al Nike Store di Via del Corso ieri uno speciale evento ha coinvolto Lorenzo Pellegrini, Nicolò Zaniolo, Mirko Antonucci e alcune giocatrici della Roma Femminile, Bernauer, Bartoli, Giugliano, Andressa, Bonfantini e Serturini.

Zaniolo il più acclamato dalla folla, in molti tra selfie e autografi lo hanno pregato di restare a lungo nella capitale: “Il rinnovo di contratto mi ha reso felicissimo, la società mi ha dato grande fiducia e ora devo ripagare in campo. Sono felice di stare a Roma, orgoglioso dei tifosi che sono sempre presenti in ogni circostanza“.

Grandi prestazioni con la Roma, poi la doppietta con la Nazionale maggiore contro l’Armenia, “Devo tanto a Mancini che mi ha chiamato quando nessuno mi conosceva. Un rimpianto è quello di non aver dato il massimo all’Europeo Under 21. Non sono un ragazzo cattivo, ho commesso un errore e voglio imparare“.

Quando lo hanno messo davanti al bivio, si vincere in giallorosso o in azzurro, lui ha risposto: “Mi piacerebbe vincere l’Europeo dopo aver vinto l’Europa League con la Roma“. Lo scrive il Corriere Dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa