Resta in contatto

Rassegna Stampa

Il Wolfsberg è la porta per i sedicesimi e oltre

Contro gli austriaci basta un punto

Il gol di Ragatzu all’ultimo respiro ha sottratto a Paulo Fonseca il quarto posto in solitudine ma non ha smantellato la positività del mondo Roma dopo lo 0-0 contro l’Inter. A Trigoria sono sempre più convinti che l’obiettivo Champions League sia alla portata.

In questi giorni però si parlerà di Europa League, con la partita contro il Wolfsberger che dovrebbe consegnare alla Roma la qualificazione ai sedicesimi della competizione. C’è ottimismo: ai giallorossi basta un punto, che diventerebbe inutile se il Borussia Moenchengladbach non perdesse contro il Basaksehir in casa. Il primo posto del girone però non è un dettaglio. Se la squadra di Fonseca dovesse arrivare seconda potrebbe incrociare una delle 11 prime (Borussia escluso) oppure una delle quattro migliori per numero di punti conquistati che scendono dalla coppa più importante (esclusi, eventualmente, Napoli e Atalanta). Lo scrive il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa