Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Parola di Boniek: «Questa Roma può rallentare la corsa della Juve»

“Sono rimasto più affezionato a Roma e oggi tifo per i giallorossi”

Ai tempi di Viola e Gianni Agnelli era il vero derby d’Italia, con Sensi rappresentava la sfida tra il potere forte di Moggi e la voglia di rivalsa della capitale. Duelli da 80 mila spettatori che hanno visto fronteggiarsi Falcao e PlatiniGiannini e BaggioTotti e Del Piero.

Poi, col passare degli anni, Roma-Juventus è diventata più soft. Basta polemiche sul gol di Turone, dimentichiamo le querelle con Zeman sul doping o le accuse di Totti sull’arbitraggio di Rocchi in quello che è stato l’ultimo scontro scudetto prima del famoso gap mai colmato dai giallorossi. Le due società, storicamente “nemiche”, sono diventate alleate su diversi fronti: dai diritti tv alle scelte riguardanti il presidente di Lega.

Agnelli e Pallotta si sono scambiati complimenti per le vittorie di Champions, la Juve di Conte nel 2013 fu addirittura ospitata a Trigoria per allenarsi e pure sul mercato i cambi maglia sono stati tanti compreso l’ultimo scambio tra Spinazzola e Luca Pellegrini. Ma anche nei tanto “odiati” anni ’80 c’è stato un doppio ex diviso tra Juve e Roma. Si tratta di Zbigniew Boniek, uno dei giocatori più talentuosi della storia del nostro calcio che oggi è il presidente della Federcalcio polacca. “In quegli anni si parlava solo di Roma-Juve. Era la sfida totale e l’ho capito soprattutto nella capitale. Ora magari si sente meno ma non dite che è una partita come le altre”.

Con la Juve ha giocato 133 partite, con la Roma 92. Ma la considerazione nelle due città è diversa: “Io sinceramente sono rimasto più affezionato a Roma e oggi tifo per i giallorossi e per questo mi danno dell’anti-juventino ma vi invito a trovare una mia parola fuori posto sulla Juve”. E Roma-Juve di oggi? “Chiaramente la squadra di Sarri è più forte, ma quella di Fonseca può darle fastidio e rallentarlaCon la prospettiva di un nuovo presidente (Friedkin, ndr) magari si può tornare a parlare di scudetto anche se trovo poco chiaro ancora il perché di questo investimento”. Lo riporta Leggo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa