Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Totti e De Rossi erano solo l’inizio. Pallotta continua

Tre simboli giallorossi che lasciano la Roma durante la presidenza Pallotta

Deromanizzare la Roma è stato da sempre il diktat della gestione Pallotta. Lo fece intendere in tempi non sospetti Baldini. Nessuno pensava che poi si sarebbe passati davvero ai fatti. Pezzo dopo pezzo ha portato al termine l’”operazione“. Prima Totti, poi De Rossi e ora Florenzi.

Tre capitani, tre romani che hanno preso sulle loro spalle la bandiera giallorossa. Distanze mai colmate tra il popolo della Roma e l’attuale Presidente che forse non è riuscito a capire che qui il calcio è un’altra cosa. Ora lo strappo è completo e i tifosi aspettano Friedkin a braccia aperte. Lo riporta “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa