Resta in contatto

News

Pizarro: “Qualcosa si è rotto nel gioco della Roma. L’assenza di Zaniolo si sente”

L’ex centrocampista giallorosso: “Voglio un gran bene alla Roma, dal 2001 uno dei miei obiettivi è sempre stato quello di diventare un suo giocatore”

David Pizarro, ex giocatore della Roma, è stato intervistato dall’emittente radiofonica ReteSport ed ha parlato anche dell’attuale squadra di Fonseca. Queste le sue parole:

Sulla Roma attuale…
“Sicuramente il più dispiaciuto sarà l’allenatore, dopo le feste abbiamo trovato un’altra Roma. Qualcosa si è rotto nel gioco, lo ha detto anche Edin l’altro giorno che non sono degni della Serie A. Questa situazione preoccupa perché l’obiettivo è ancora lì. L’Atalanta è una buona squadra, mentre la Roma è bipolare. Con la Lazio e con il Sassuolo due partite diverse. Sono contento che Dzeko sia rimasto, lui è metà squadra al momento. L’assenza di Zaniolo si sente”.

Gli infortuni…
“Il problema della Roma sono gli infortuni, una domanda se la devono fare. Negli ultimi mesi più di 20 stiramenti sono troppi”.

Under…
“È un giocatore che ancora non si è affermato, le qualità ce l’ha. La domanda però è, fino a quando ti dobbiamo aspettare?”

Spalletti…
“Io ho conosciuto Spalletti ad Udine e già dava le capocciate al muro (ride), io mi dicevo ‘ma saranno tutti così’. Con Spalletti ho lavorato 7 anni. È un allenatore importante, soprattutto in coppia con Andreazzoli. Soprattutto per il modo con il quale preparavano le partite”.

Sulla Roma…
“Io voglio un gran bene alla Roma, l’ho conosciuta nel 2001 e uno dei miei obiettivi è sempre stato quello di diventare un suo giocatore. Mi dispiace per quello che è successo con Totti e De Rossi per quello che significa la Roma per loro”.

Confronto col Napoli…
“Del Napoli si può dire tutto, ma i giocatori forti in questi anni li ha tenuti. La Roma no. E questo è un peccato. In Italia è fondamentale difendere, Eriksen avrà qualche problema secondo me. Almeno all’inizio”.

I capitani…
“Le differenze tra Totti e De Rossi capitani? Entrambi grandi, per Totti bastava la presenza, Daniele parlava di più… Per me sono stati grandissimi. Il più gran rimpianto è stato Menez ci poteva far vincere le partite da solo. È stato un dispiacere per me, volevo e potevo aiutarlo di più. Lui è stato uno di quei giocatori che ce l’aveva sempre con il mondo”.

Il trasferimento alla Roma…
“Io non potevo trasferirmi direttamente dall’Udinese alla Roma, perché Spalletti non si era lasciato bene con Pozzo. Quindi sono dovuto prima passare per l’Inter e solo successivamente alla Roma”.

Su Mancini e il periodo di Firenze…
“Il modo di gestire di Mancini fa la differenza e al City questo ha fatto, anche perché con tutti quei campioni. A Firenze ci siamo divertiti, con Montella allenatore e Aquilani in campo. Vincenzo forse ha sbagliato a fare certe scelte successivamente”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News