Resta in contatto

Rassegna Stampa

Piovono Petrachi: «Bugie e calunnie su di me, pago gli errori di Monchi»

Chiede ancora pazienza a una piazza stremata dall’attesa, poi scatena l’uragano

Un monologo, condito da strafalcioni e termini inappropriati, di 20 minuti quello di Petrachi che ieri si è voluto sfogare coi media come è ormai consuetudine per i direttori sportivi giallorossi:

«Voglio parlare perché ultimamente si dicono delle cazzate e se non fermi l’emorragia le cose passano per vere. Ho detto subito che questo era l’anno zero, sono stato chiamato dal club per provare a recuperare gli errori degli anni precedenti. Mi sono calato con entusiasmo nella parte e in 6 mesi penso di aver fatto una gran mole di lavoro. La Roma ha fatto una vera e propria rivoluzione e non compra un giocatore da 70, con quei soldi ne prende 7». Poi esagera: «Non amo le calunnie di alcuni media, la mia schiena è sempre dritta forse vi dà fastidio perché non rispondo al telefono. Attaccatemi anche, cercherò di non essere spappolato, ma di certo metterò il massimo dell’impegno fino alla fine perché la Roma la sento mia anche se volete la mia testa sul patibolo. Fino a 20 giorni fa si decantava una Roma importante, che giocava il miglior calcio d’Italia. Sono sempre stato abituato alle difficoltà, ma non alle calunnie». Termine forte, ed etimologicamente sbagliato.

«Si è detto che Dzeko mi abbia bacchettato perché voleva più qualità, che è la prima cazzata – prosegue come un fiume in piena – Come i problemi con Fonseca. Poi si è detto anche che sono stato convocato per essere messo alla prova dalla nuova società e invece ho solo presentato i possibili piani futuri. Molti mi hanno censurato, sembravo un killer e non un ds quando è uscita la storia della Procura, ed invece mi hanno assolto». Sul futuro: «Ho spiegato ai calciatori: ora non pensate che arriva Paperon de Paperoni (riferito a Friedkin, ndr) e compra chissà chi». Lo riporta Leggo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Francesco Totti: uomo, capitano e leggenda

Ultimo commento: "Colui che ha rappresentato tutto ... l'amore della mia vita per il calcio e per questa squadra..."

Giuseppe Giannini

Ultimo commento: "Il mio primo vero amore... un sogno vederlo sulla panchina della Roma come allenatore"

Agostino Di Bartolomei

Ultimo commento: "Finire il vostre preoccupazioni d denaro stupido la mia offerta di prestito. Offro di 5000 ha 200 000 000 € un interessato del 3% per anno e-mail:..."

Daniele De Rossi

Ultimo commento: "Il solo capitano degno di Agostino"

Nils Liedholm

Ultimo commento: "Grande Barone! Iniziai allora a tifare la Roma, per la sua zona totale e quel genio di Falcao!"
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

Altro da Rassegna Stampa