Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Fonseca: “In campionato possiamo rimontare. L’Europa League è una competizione importante per noi”

Le parole del tecnico della Roma dopo la conferenza stampa

Il tecnico della Roma Paulo Fonseca, dopo la conferenza stampa in vista di Roma-Gent, è intervenuto ai microfoni di Sky Sport. Di seguito le sue dichiarazioni.

Europa League manifestazione più importante in questo momento?
Io continuo a credere che in campionato possiamo rimontare, è possibile. L’Europa League è una competizione importante per noi, in questo momento è importante pensare solo alla prossima partita, non è importante pensare troppo al futuro ma pensare al presente. Il Gent è una squadra molto forte ma noi dobbiamo vincere.

Che tipo di partita sarà?
Normalmente le partite europee sono più aperte, penso che domani non sarà facile, mi aspetto una squadra in condizione che è molto forte in contropiede ma che è forte anche in difesa, è una squadra che non ha mai perso in Europa League, non ha mai perso in casa e sarà difficile, ma noi l’abbiamo preparata per vincere.

Confronto con il gruppo?
Questi rumors sono falsi, non ho nessun problema con il gruppo, ora è facile inventare queste cose. Noi dobbiamo essere equilibrati in questo momento senza sentire queste falsità.

Troppa negatività?
È normale, se non vinci le ultime partite è normale essere criticati da tutti, questo che sta accadendo succede in tutte le parti dove non si vince, noi dobbiamo essere equilibrati, capire il momento e lavorare per cambiare le cose.

Come uscire da questo momento?
Io sono molto fiducioso perché questa squadra in passato ha fatto moltissimo, ha fatto grandissime partite. Questo è solo un momento negativo che succede a molte squadre, dobbiamo lavorare sempre con forza per cambiare.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra