Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Fonseca: “Abbiamo fatto i primi 30 minuti ottimi. Rispetto al Gent, calciatori con più fiducia e coraggio”

Le parole del tecnico giallorosso nel post-partita

Paulo Fonseca, allenatore della Roma, ha parlato a Sky Sport al termine di Roma-Lecce:

Tutti insieme si risolvono i problemi, quasi zero rischi oggi. E’ sorpreso?
“No, la squadra si era allenata molto bene in questi giorni, ero fiducioso. Il Lecce era in un buon momento con 3 vittorie consecutive. Molto buoni i primi 30 minuti”.

Non vi siete spenti come col Gent.
“Sì, è stata una partita differente. Ho sentito i giocatori con più fiducia e coraggio. E’ importante”.

Perché la sostituzione di Pellegrini?
“Ha fatto una bellissima partita ma aveva un fastidio e ho deciso di non rischiare. Non è infortunato, era solo per non rischiare”.

Hai necessità che i due centrocampisti centrali giochino bene, se giocano bene loro la squadra funziona.
“E’ vero. Sono troppo importanti, specie quando iniziamo il nostro gioco. Tutti hanno fatto una buona partita, mi sono piaciuti molto Veretout e Cristante che hanno fatto bene per la squadra. Anche i difensori sono importanti”.

Diawara quando rientra?
“Vediamo, i segnali sono positivi. Dobbiamo vedere perché è una situazione che dobbiamo valutare tutti i giorni”.

Hai detto che il quarto posto è qualcosa che non rappresenta una chimera. Su Mkhitaryan?
“E’ un grandissimo giocatore. Ha la grande capacità di decidere bene il tempo di gioco. E’ importantissimo per noi prendere buone decisioni. Abbiamo sbagliato molto in passato negli ultimi passaggi. Miki è molto importante per dare qualità al nostro attacco”.

Fonseca a Roma TV

Una bella prestazione.
“Sì, penso che abbiamo fatto una buona partita nei primi 30 minuti e siamo stati molto bene con diverse occasioni da gol. Mi è piaciuta molto la prima parte, poi abbiamo gestito. E’ la seconda partita che non prendiamo gol e questo è positivo”.

La Roma non ha subito il campo pesante per la partita di rugby di ieri.
“Devo dire che ero preoccupato, ma i ragazzi che hanno lavorato per il campo hanno fatto un grande lavoro”.

Mi sono piaciute 3 cose: la voglia di riconquistare il pallone, la capacità di verticalizzare e il movimento dei giocatori senza palla.
“Penso che abbiamo sempre lavorato bene quando perdevamo palla e la marcatura difensiva è stata ottimale, sopratutto quella di Cristante e Veretout. Abbiamo giocato con aggressività e abbiamo tenuto bene linee di passaggio in profondità. Penso che abbiamo fatto quasi 30 tiri in porta e questo dimostra che abbiamo giocato molto”.

Hai lavorato molto bene sulla testa oggi.
“Non era una questione che la squadra non ha fatto buone partite o non aveva capito come giocare, per me era una questione di fiducia e parlando con i giocatori penso che è un modo di ritornare alla fiducia per i giocatori”.

Come sta Pellegrini?
“Lorenzo ha fatto una bellissima partita, non ha sbagliato quasi mai. Abbiamo parlato nell’intervallo e aveva un fastidio nella gamba e con questo risultato ho deciso di non rischiare più”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra