Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Primavera

De Rossi: “La partita di oggi è l’analisi della stagione”

Le parole del tecnico giallorosso

Alberto De Rossi, ha parlato ai microfoni di Roma TV al termine di RomaNapoli, pareggiata 3-3. Di seguito le sue parole.

La Roma ci ha provato, cosa è mancato per la vittoria?
“La partita di oggi è l’analisi della stagione. Non è una considerazione definiva perché abbiamo ancora altri 3 mesi di lavoro in cui possiamo incidere di più e sicuramente possiamo fare meglio rispetto a quanto fatto oggi. Siamo caduti di nuovo in quello che ci succede. Quando attacchiamo siamo irresistibili, come pensiamo di aver portato a casa la vittoria ci fermiamo e sembra che aspettiamo il rientro degli avversari. Così è stato oggi e in altre 5-6 partite disputate durante la stagione che hanno determinato una classifica non da Roma”.

La squadra è stata anche sfortunata?
“Sono stati molto bravi, hanno spinto fino alla fine ma perché non farlo prima? Perché smettere di giocare e di difendere? Qui non si tratta di un reparto o di un giocatore, qui veramente tanti di questo gruppo staccano la spina, soprattutto nei momenti migliori. È un aspetto che ci fa impazzire a quelli dello staff. Si stava conducendo la partita bene contro un Napoli ben messo e poi succede che si molla, si crede di aver vinto, si esce dalla partita e rientrano gli avversari”.

Da dove si riparte?
“Non è interessante contro chi giochiamo, abbiamo dimostrato che possiamo giocare contro chiunque e possiamo perdere contro chiunque. Possiamo vincere contro chiunque, anche con la prima in classifica, ma possiamo perdere contro l’ultima in classifica. Il Napoli facendo bene a un certo punto è sembrato irresistibile”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Primavera