Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Primavera

Cardinali: “Roma per me significa tanto. Alisson mi ha colpito, Mirante un punto di riferimento”

Parla il portiere giallorosso

Matteo Cardinali, portiere della Roma Primavera, si è raccontato in un’intervista ai microfoni di Roma TV:

Nato nel giugno 2001, un segno del destino?
“Mi ricordo che mamma mi disse che stava col pancione e andarono in ospedale in mezzo ai festeggiamenti. Spero sia un segno del destino, il mio sogno è vincere qualcosa a Roma, intanto però penso a esordire in Prima Squadra”.

Il primo giorno?
“Il primo giorno venne Manuel Marzocca a prendermi, eravamo 32 bambini. La prima persona che conobbi fu Parodi, è stato un momento indimenticabile”.

Il tuo idolo?
“Mio nonno aveva un portachiavi di Buffon ed è sempre stato il mio idolo. Ancora a 40 anni dimostra di aver un gran rendimento”.

Chi ti ha colpito maggiormente?
“Ho avuto la fortuna di allenarmi con Alisson. Mi ha colpito per la potenza fisica e la semplicità con cui faceva ogni gesto tecnico”.

Chi ti ha aiutato di più?
“Mirante è sempre un stato un punto di riferimento per me. Arrivare a una certa età e allenarsi ogni giorno con grande voglia è un esempio per me”.

Savorani?
“Gli allenamenti con Savorani sono duri, ma poi ti abitui. Sono lunghi e faticosi, ma ti migliorano molto”.

Che doti deve avere un portiere?
“Bisogna distinguere il campo e la vita privata. Voglio migliorare in questo aspetto, un portiere deve avere personalità, deve sembrare più grande degli altri e richiamare anche giocatori più grandi di lui”.

Ricordo più bello?
“Lo scudetto vinto con l’Under 17, contro l’Atalanta. Eravamo partiti male, subito un palo loro, poi ci siamo ripresi, abbiamo preso il 2-1 e sembrava finita. Poi abbiamo tirato fuori la forza di gruppo e abbiamo rimontato”.

L’esperienza in Prima Squadra?
“Dopo la vittoria dello scudetto è arrivata la chiamata per fare il ritiro con la prima squadra, poi la tournée. Non me l’aspettavo, è stata un’esperienza fantastica. Ho cercato di rubare qualcosa dai più grandi”.

Parata migliore?
“Mi è piaciuta quella con l’Inter, sul 4-2. Se avessero fatto il terzo gol l’avrebbero riaperta”.

Gli infortuni?
“Io ho subito un’operazione alla spalla, ma non è nulla rispetto a quello che hanno subito alcuni miei compagni come Calafiori”.

Futuro?
“Spero di continuare con la Roma, poi solo il futuro sa cosa succederà. Non ci penso, ora penso ad allenarmi e migliorarmi. Roma per me significa tanto, lasciarla sarebbe molto difficile”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Primavera