Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Un Mkhi da riscattare. Fonseca promuove l’armeno: «Vorrei tenere lui e Smalling»

E’ l’armeno l’asso della Roma. Il suo tecnico: “È un giocatore con grande fantasia”

Nel poker contro il Lecce c’è un asso nella manica che rischia di riaprire la partita per la Champions e che fa sognare per l’Europa League. L’asso si chiama Mkhitaryan che segna, corre e ha portato quella qualità che mancava all’attacco della Roma. Fonseca ha detto: “Mkhi durante questa stagione ha avuto alcuni infortuni ma ora sta tornando e sta dimostrando la sua qualità. È un giocatore con grande fantasia, vorrei che restasse anche lui alla Roma così come Smalling”. Un chiaro messaggio alla società. L’Arsenal per il riscatto vuole 20 milioni, però tutti si chiedono “quanto durerà?”.

Mkhitaryan ha giocato appena il 31% dei minuti a disposizione in stagione saltando 16 partite. Domenica è stato primo per recuperi, 8, il migliore a centrocampo per palloni giocati, 56, e per passaggi, 43. Ha corso 12 chilometri ed è stato il quarto tra tutti i giocatori in campo. Ne ha beneficiato tutto l’attacco visto che sono arrivati 11 tiri nello lo specchio di Vigorito, altri record annuale. Per il Gent salgono le quotazioni di Kluivert e Perez entrati bene contro il Lecce. Lo scrive Leggo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa