Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, vietato sbagliare

Il tecnico portoghese avvisa i suoi in vista della sfida di ritorno con il Gent

«Dimentichiamoci il risultato dell’andata». Il 4-0 al Lecce non basta. Lo sa Fonseca che stasera si gioca il passaggio agli ottavi di Europa League in casa del Gent dopo l’1-0 di una settimana fa all’Olimpico. Un risultato importante (Ancelotti diceva il migliore in coppa), viziato dagli evidenti errori di Depoitre e compagni sotto la porta di Pau Lopez. Quella che scenderà in campo stasera in Belgio, però, sembra una Roma rinfrancata dalla bella prestazione di domenica scorsa che deve centrare il passaggio del turno per non ripiombare nella crisi e proseguire la strada verso l’unico trofeo rimasto a disposizione in 9 anni di gestione Pallotta.

Una competizione spesso snobbata dai club italiani che rappresenta pure una scorciatoia per la qualificazione in Champions. «Lo sappiamo, ma non voglio fare progetti a lungo termine. Conta superare questa partita. La squadra ha l’ambizione di andare più avanti possibile», ammette Fonseca. Il portoghese sa di non dover sottovalutare l’avversario: «Il Gent in casa non ha mai perso e segna sempre. È un avversario difficilissimo fisicamente. Dobbiamo giocare pensando che iniziamo da 0-0. Per loro è la partita della vita? Anche per noi è importantissima». Lo riporta “Leggo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa