Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma agli ottavi contro il Siviglia

Il sorteggio del destino. L’urna di Nyon mette di fronte la Roma e il Siviglia di Monchi.

Proprio lui, il dirigente prima amato e poi ripudiato da Pallotta, l’uomo che secondo il presidente e la stragrande maggioranza dei romanisti è colpevole del ridimensionamento giallorosso, causa cessioni eccellenti e acquisti toppati. Sarebbe in realtà lo stesso diesse della squadra arrivata a giocare la semifinale di Champions, ma con una rosa costruita in gran parte da Sabatini.

Due anni dopo il palcoscenico è meno prestigioso, ma in questi ottavi di Europa League (andata in Spagna il 12 marzo alle 18.55 con duemila posti a disposizione nel settore ospiti, ritorno all’Olimpico sette giorni dopo alle 21) entrambe le squadre si giocano le residue speranze di rendere questa stagione memorabile. «Preferivo evitare» risponde Monchi ai tanti che gli scrivono da Roma dopo il sorteggio, perché lo spagnolo sa bene cosa comporterà questa doppia partita.

L’accoglienza si annuncia pesante per il dirigente «scappato» nella sua Siviglia, basta dare un’occhiata ai profili ufficiali del club andaluso dove gli insulti dei romanisti a Monchi si sprecano. Ma poteva andare meglio anche ai giallorossi, perché la rivale è una delle peggiori dell’urna. Si autodefiniscono i «pentacampioni» visto che questa coppa l’hanno vinta cinque volte, tre da quando si chiama Europa League, tutte con Monchi al comando. Il torneo è il loro habitat naturale, mentre la Roma non ha mai superato gli ottavi nella nuova versione della competizione.

Li allena Lopetegui, che lo scorso che lo scorso anno ha battuto la Roma nel girone di Champions 3-0 col Real Madrid. «Sarà una sfida tirata – dice l’ex tecnico della nazionale spagnola – tra due squadre con valori simili». Secondo Fonseca «il Siviglia è una delle squadre più forti del torneo, sarà importante giocare la seconda partita in casa». L’Olimpico aspetta Monchi, lui avrebbe evitato volentieri di tornarci. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa