Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Petrachi: “Idea di fermare il campionato sarebbe stata la più corretta”

“La squadra è concentrata a far bene”

Gianluca Petrachi, direttore sportivo della Roma, è stato intervistato durante il pre-partita di Cagliari-Roma. Queste le sue parole a Sky Sport:

Si gioca a porte aperte….
La Roma ha sempre giocato quindi non è stata toccata da questo provvedimento. Forse avevamo necessità di fermarci perché abbiamo giocato tanto, anche in coppa… (ride ndr). L’idea di fermare completamente il campionato forse sarebbe stata la cosa più corretta ma non siamo qui per fare polemica, qualunque cosa si faccia si rischia di sbagliare visto che si tratta di un evento anomalo. Bisogna lasciare agli organi competenti la decisione.

Ultima partita dell’era Pallotta. Si vive nello spogliatoio? Lo scenario di Petrachi cambierà?
Sono mesi che se ne parla ma noi siamo rimasti concentrati e distaccati. Abbiamo fatto due gare importanti e vogliamo continuare. La squadra e tutto il gruppo è concentrato a far bene.

Non è semplice un lavoro di un dirigente in questa settimana, il suo ne è condizionato?
Questo cambio, che sembrava imminente a dicembre e gennaio, si è protratto e non è stato semplice in sede di calciomercato, ma mi hanno fatto fare il mio lavoro e non mi è mancato nulla.Io e l’allenatore dobbiamo essere bravi a parlare solo di calcio. La società è stata sempre presente e tutto è andato per il verso giusto, quando il cambio di proprietà ci sarà vedremo i progetti futuri. Certamente dobbiamo lavorare sul campo

Ha fatto una bella rosa, adesso sembra siano stati fatti 3 passi indietro: chi ha sbagliato e cosa è successo?
Non è facile trovare giustificazioni, certamente fino alla sosta la squadra esprimeva un grande calcio, da squadra vera, sembrava che stesse lasciando un’impronta sul campionato. Alla ripresa del campionato, forse un po’ le voci, non lo so, qualcosa è cambiato. Nel momento in cui abbiamo capito che avevamo sbagliato qualcosa è subentrata un po’ di paura. Ci stiamo ritrovando e vogliamo continuare. Questa squadra è a trazione anteriore. Se non tutti stanno bene o si sacrificano rischiamo con tutti. I ragazzi si sono parlati e in questi ultimi 15 giorni si sta rivedendo un po’ la Roma di inizio campionato.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra