Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Coronavirus, Ferrero: “Basta figli e figliastri”

Le parole del presidente della Sampdoria

“Nel mondo stanno prendendo esempio dalla sanità italiana, ma nel calcio non siamo riusciti a prevenire il caos. Quindi, mercoledì a Roma, nella casa dello sport, o tutti leoni o tutti … “. Questo il commento rilasciato all’ANSA da Massimo Ferrero, presidente della Sampdoria, dopo il rinvio quella gara con l’Hellas Verona e in vista dell’assemblea straordinaria di Roma.

Ferrero pone l’accento su quanto sia importante trovare una soluzione equa, valida per tutti i club di Serie A, non solo per quelli in lotta per lo scudetto: “Basta figli e figliastri”. “In questi giorni mi sembra di aver rivisto ‘Parenti Serpenti’ di Monicelli – prosegue il presidente della SampNon siamo stupidi, sappiamo che la lotta per il titolo o per le coppe europee hanno grande importanza, tecnica e mediatica ma giochiamo tutti lo stesso campionato, anche se abbiamo obiettivi diversi, che non sono meno importanti di altri. Nello sport non ci devono essere figli di un Dio minore. Saremo molto vigili su questo”.

Conclude Ferrero: “Non possiamo far passare l’impressione che il campionato italiano sia più importante della salute degli italiani. Lo sport deve vincere su tutto, mercoledì ci sarà un’assemblea straordinaria della Lega Serie A al Coni per trovare una soluzione unica, che salvaguardi tutti i club e quindi i tifosi di tutte le squadre”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News