Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, Fonseca già si gode lo stop forzato

Il weekend di riposo che attende la Roma fa sorridere Fonseca

Lo slittamento del match con la Sampdoria, inizialmente in programma domenica e ora spostato al 15 marzo, permette al tecnico portoghese di recuperare con più tranquillità sia Pellegrini che Diawara.

Anche perché il 12 marzo si gioca a Siviglia l’andata degli ottavi di Europa League e presentarsi con almeno uno dei due centrocampisti a disposizione permetterebbe all’allenatore di sopperire all’assenza di Veretout, squalificato per primo match contro gli andalusi. Al momento chi ha più possibilità di giocare è Pellegrini. Lo stop di Lorenzo è recente (25 febbraio) e la lesione di primo grado al flessore sinistro è in via di guarigione.

Proprio lo slittamento della gara contro la Sampdoria, ha indotto il club a rinviare gli esami previsti per ieri. Possibile che una prima verifica (ecografia) venga effettuata direttamente in giornata a Trigoria, alla ripresa degli allenamenti. Diawara, invece, prosegue il piano di recupero stabilito con lo staff medico. Il guineano, fermo ormai da 45 giorni, sta lavorando in gruppo e l’obiettivo è di fare in modo che possa svolgere da lunedì il lavoro completo con la squadra, per poi essere convocato per la trasferta spagnola. Far parte dei convocati non equivale a scendere in campo dal primo minuto.

Ipotesi, al momento, abbastanza remota. Per Zappacosta se ne riparlerà dopo la sosta per gli impegni delle nazionali di fine marzo. Curiosità: il possibile slittamento della prossima giornata di campionato, permetterebbe alla Roma di evitare la trasferta di San Siro contro il Milan a cavallo delle due gare degli ottavi di Europa League contro il Siviglia. Lo riporta Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa