Resta in contatto

Rassegna Stampa

Gratton e il lupetto, la Roma cambiò da lì

Il 19 luglio 1978 veniva presentato il nuovo logo della Roma dal presidente Anzalone: una testa di lupo nera, stilizzata e declinata su un fondo circolare bianco bordato di giallorosso.

La novità era quasi sconcertante, la sua grafica sgretolava i crismi tradizionali. Con quella mossa la Roma, in anticipo su tutte le altre società italiane, faceva un salto nel merchandising. Il lupetto era destinato ad apparire su bandiere, magliette, portachiavi, cravatte. Qualunque ditta volesse farne uso doveva riversare i diritti alla Roma, una dinamica “americana” ancora aliena ai nostri lidi calcistici.

Prese subito piede, del resto il suo ideatore era un designer di straordinarie intuizioni, Piero Gratton, scomparso a ottant’anni venerdì scorso. In seguito avrebbe sfornato altri loghi sportivi di successo, come quello degli Europei del 1980 o della Uefa nel 1983. La Roma ha periodicamente riproposto il lupetto: è ricomparso sulle maglie da trasferta nel 2012-13, nel 2016-17 e anche nella scorsa stagione. Secondo alcune indiscrezioni, sarà sulla seconda maglia l’anno prossimo. Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Francesco Totti: uomo, capitano e leggenda

Ultimo commento: "Colui che ha rappresentato tutto ... l'amore della mia vita per il calcio e per questa squadra..."

Giuseppe Giannini

Ultimo commento: "Il mio primo vero amore... un sogno vederlo sulla panchina della Roma come allenatore"

Agostino Di Bartolomei

Ultimo commento: "Finire il vostre preoccupazioni d denaro stupido la mia offerta di prestito. Offro di 5000 ha 200 000 000 € un interessato del 3% per anno e-mail:..."

Daniele De Rossi

Ultimo commento: "Il solo capitano degno di Agostino"

Nils Liedholm

Ultimo commento: "Grande Barone! Iniziai allora a tifare la Roma, per la sua zona totale e quel genio di Falcao!"
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

Altro da Rassegna Stampa