Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Calciomercato

Da Kean a Bonaventura: quanti possibili affari con Raiola per la Roma

Il procuratore ha ottimi rapporti con il club giallorosso: molti calciatori della sua scuderia sono stati accostati ai capitolini

Da Bonaventura a Kean passando per Mkhitaryan e il giovane Gravenberch: sono molti i possibili affari in ballo tra Mino Raiola e la Roma. Il ds giallorosso Petrachi ha messo gli occhi su Bonaventura, che al termine della stagione si libererà dal Milan a parametro zero. Per arrivare al centrocampista ci sarà però da battere la concorrenza di diversi club di Serie A interessati al classe ’89.

Un altro calciatore della scuderia di Raiola accostato alla Roma è Moise Kean, attaccante dell’Everton: il calciatore del 2000, ex Juventus, vorrebbe tornare in Italia per giocarsi le sue carte in vista dell’Europeo, spostato all’estate prossima. Per lasciar partire il 20enne gli inglesi chiedono però circa 30 milioni di euro.

Nei radar della Roma c’è pure Ryan Gravenberch, centrocampista olandese classe 2002 in forza all’Ajax: costa già oltre 10 milioni e Raiola vorrebbe portarlo nella Capitale come trampolino di lancio per i top club europei tra qualche stagione. Sempre in Olanda, la Roma da tempo lavora alla pista Steven Berghuis, esterno 29enne di proprietà del Feyenoord. Infine, c’è la questione Mkhitaryan: per l’armeno, arrivato in prestito secco dall’Arsenal, servono 15-20 milioni di euro: troppi, secondo la Roma, per un calciatore in scadenza nel 2021. L’idea di Raiola è quella di far rinnovare il classe ’89 con i londinesi, di modo da poter prolungare il prestito per un’altra stagione stabilendo anche la cifra per il diritto di riscatto.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Calciomercato