Resta in contatto

News

Spadafora: “Ad oggi non è certa né la ripresa degli allenamenti né del campionato”

Il ministro dello Sport: “Spero che il mondo del calcio riparta, ma oggi non si può dare per certa la ripresa senza sapere le condizioni del paese”

Vincenzo Spadafora mercoledì parlerà con le istituzioni del mondo del calcio con la speranza da parte di Gravina che possa arrivare il via libera per la ripresa degli allenamenti delle società. Intanto il Ministro dello Sport interviene sulla questione al Tg2, queste le sue parole:

Immagina la ripartenza del calcio?
Lo sport non è solo il calcio e il calcio non è solo Serie A, ma mercoledì avrò questo incontro con la Figc che mi presenterà il protocollo per riprendere le attività e specifico che è solo per gli allenamenti. Io oggi non dò per certa la ripresa né del campionato né degli allenamenti il 4 maggio.

Juventus, Parma e Roma hanno firmato un accordo per la riduzione degli stipendi, secondo lei gli altri club che faranno?
Non entro nell’eventuale valore etico dei compensi. Il mondo della Serie A vive in modo diverso dal resto degli sport. Ogni società sta contrattando in modo diverso le varie riduzioni. Spero comunque che il mondo del calcio riparta, ma oggi non si può dare per certa la ripresa senza sapere le condizioni del paese. Dobbiamo capire se siamo pronti. Anche dovessero partire gli allenamenti poi non è scontato che riparta subito anche il campionato. Valuterò tutto con la massima attenzione, ma non ci deve essere l’illusione che riprendere gli allenamenti equivalga a ricominciare il campionato.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News