Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dzeko, fai di più. La Roma gli chiede un nuovo sacrificio

Il bosniaco, attualmente capitano, al bivio

In questi tempi grami, i sacrifici sono come esami: non finiscono mai. Alla Roma hanno chiaro un quadro di fondo: se non ricomincerà il campionato e quindi se si avrà la certezza assoluta di non partecipare alla prossima Champions League, ad alcuni big saranno chiesti altri sacrifici. Primo fra tutti Edin Dzeko. Il bilancio della Roma soffrirà ancora, nonostante il taglio degli stipendi, e un contratto come quello del bosniaco, che con i bonus può arrivare a 7 milioni netti a stagione fino al 2022, pesa come un macigno. La prima strada è quella di tagliare l’ingaggio del 15%.

La seconda – più classica e fattibile – è quella che porta invece alla spalmatura del contratto, allungandolo per un’altra stagione, fino al 2023. All’allenatore questa strada non dispiacerebbe. La terza pista – la meno praticabile – è quella di concedergli il cartellino gratuitamente o al massimo una buonuscita, per liberarsi subito dal peso dell’ingaggio. Inoltre è molto complicato che la Roma riesca ad andare su attaccanti giovani e dal sicuro avvenire nella prossima finestra di mercato. Morale: è assai probabile che Dzeko rimarrà, ma è atteso da un ulteriore sforzo. Lo riporta “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa