Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Parla Kolarov: “Posso dare ancora tanto. In futuro mi vedo nel calcio” (VIDEO)

Le parole del terzino giallorosso a Dazn

Parla Aleksandar Kolarov e lo fa all’emittente televisiva: il serbo tocca il tema del suo futuro.

Le punizioni?
“Sì, le tiro abbastanza bene. Mio fratello ed io giocavamo da piccoli nel nostro cortile con una palla e con il cancello di legno che aveva una parte, in alto a sinistra, in cui se riuscivi a mandarci la palla faceva un gran rumore. Ogni volta che prendevi quel punto i vicini cominciavano ad urlare. Io cercavo di prendere più possibile quella parte per far urlare i vicini. Ci vuole talento per calciare le punizioni, ci vuole il piede. Credo che dipenda anche da quanto ti alleni. Per me è troppo importante la rincorsa. Mi metto bene con il corpo e poi il pallone lo prendo come voglio io. Se mi sento comodo quando prendo la rincorsa allora c’è tanta possibilità che il portiere raccolga il pallone in rete”.

Sinisa Mihajlovic?
“Lui era l’idolo di tanti ragazzi giovani a quei tempi, quando lui giocava con la Stella Rossa. Io ho avuto la fortuna di lavorare con lui nella nazionale serba e quindi qualche segreto me l’ha detto sicuramente”.

La tua punizione preferita?
“Se devo sceglierne una, mi è piaciuta tanto quella con il Bologna fuori casa. Dopo un paio di minuti del secondo tempo l’ho aperta io e poi l’abbiamo vinta all’ultimo secondo”.

Cosa vedi nel tuo futuro?
“È da tempo che io penso a cosa farò nel futuro visto che non sono un giocatore giovane. Non mi sento vecchio però ho alle spalle la maggior parte della mia carriera, perciò è già da 1-2 anni che avevo i miei programmi. In questo momento, devo dire la verità, mi vedo come giocatore, perché penso di poter dare ancora tanto. Mi sento bene fisicamente e quindi sono molto concentrato sul campo. Sicuramente dopo la carriera mi vedo nel calcio, quello è poco ma sicuro. In che ruolo, ad oggi, non sono sicuro neanche io. Avrò credo altri due anni per pensare, poi deciderò con tutta la serenità”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra