Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Rakitic: “Torniamo in campo, sono pronto a correre il rischio di essere contagiato”

Il centrocampista croato del Barcellona: “Il rischio sarà molto piccolo ma ci sarà per tanto tempo. Dobbiamo dare alla gente la possibilità di svagarsi”

Il desiderio di tornare in campo è tanto, sopratutto per i giocatori, non abituati a questo periodo così lungo di stop. In Spagna stanno suscitando scalpore le frasi di Ivan Rakitic, centrocampista del Barcellona, che ai microfoni di Marca ha spiegato il suo pensiero in merito alla ripartenza del campionato spagnolo:

“Sono pronto a correre il rischio di essere contagiato, ma voglio tornare a giocare. Lo dico con la consapevolezza che il rischio sarà molto piccolo, ma anche per solidarietà nei confronti di tutti quei lavoratori (medici e non solo) che hanno ‘giocato’ per noi dal primo minuto”, aggiunge il centrocampista croato. “È evidente che dobbiamo cercare di tornare con le migliori garanzie sanitarie, ma dobbiamo anche sapere che non saranno mai sicure al 100%. Ma lo stesso rischio sarà a carico di tutte le altre categorie al loro rientro al lavoro. Anche i dipendenti dei supermercati si cambiano negli spogliatoi e hanno le stesse possibilità di contrarre il virus rispetto a noi, o forse anche di più. Loro corrono quel rischio e anche io voglio farlo”, ha proseguito Rakitic.

“Penso che abbiamo un debito, dobbiamo restituire alla società quel che abbiamo ottenuto in questi anni, e non dico solo il termini economici: dobbiamo tornare a far divertire la gente, perché non parli solo di virus”, ha spiegato Rakitic, mentre la Liga aspetta l’ok definitivo del Governo spagnolo che nei giorni scorsi per bocca del premier Sanchez ha annunciato il ritorno agli allenamenti delle squadre, ma solo in via individuale. “Leggo in questi giorni di danni economici, di calendari, di retrocessioni, ma non leggo nulla di passione della gente. Certo, se vedo quanti milioni di persone si muovono attorno al calcio, le tasse, i posti di lavoro… Ma non è solo quello. Dobbiamo cercare di far divertire di nuovo le persone con il calcio, offrendo col nostro coraggio e la nostra forza un supporto a tutti i lavoratori che ci hanno mostrato quella forza”, ha aggiunto il centrocampista del Barcellona.

Rakitic ha poi commentato così le decisione del Governo francese di non far ripartire i campionati: “Penso che non esista una ricetta univoca, ogni Paese si regola secondo la propria situazione. Non esiste una ricetta giusta e una sbagliata, così come sono certo che ogni campionato deciderà per il meglio”. Il croato non nasconde di aver avuto paura in queste settimane così difficili: “E se non è stata proprio paura, era un sentimento molto simile” E ammette che a mancargli non fossero solo partite, gli allenamenti e le gare Champions ma anche le cose di tutti i giorni, come qualunque persona travolta dalla pandemia: “Anche accompagnare i bambini a scuola, andare in un bar per un aperitivo”.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News