Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Spagna, brusca frenata sulla ripresa della Liga: arriva il rifiuto dei giocatori

L’AssoCalciatori iberica pone diversi dubbi sul protocollo del Consiglio Superiore dello Sport e avanza alcune richieste

La ripartenza della Liga è ancora un miraggio. Ieri Pedro Sanchez, capo del Governo spagnolo, aveva dato l’autorizzazione alla ripresa degli allenamenti, seppur individuali. Ma oggi, l’Afe, l’associazione dei calciatori spagnola, ha gelato il clima intorno a una possibile ripresa: “Vogliamo sapere qual è il reale rischio di contagio alla ripresa – si legge in una nota –, se i test ai giocatori spettino al Ministero e come funziona il meccanismo di coordinamento in caso di inosservanza del protocollo; riteniamo che vadano previste sanzioni severe in casi del genere“.

Poi i dubbi sul protocollo che dovrebbe “essere più esplicito su cosa accadrebbe in caso di nuove positività alla ripresa: nulla viene specificato, se scatta la quarantena per tutta la squadra o se viene isolato solo il nuovo positivo. Vogliamo ricordare che stiamo trattando un problema di salute pubblica“.

Infine, le richieste da parte dell’Afe: “In ogni caso – conclude il comunicato – l’eventuale ripresa preveda un intervallo di almeno tre giorni da partita a partita, e che durante le stesse vengano introdotte pause di ristoro visto il caldo, col divieto di giocare con temperature oltre 32 gradi“.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News