Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Candela: “Juve-Roma 2-2? E’ stata una festa, come se avessimo vinto”

“Il gruppo unito è più importante dei singoli”

Vincent Candela, ex giocatore della Roma, ha parlato a Il Corriere della Sera del suo trascorso in giallorosso e di quel famoso pareggio in extremis a Torino contro la Juventus, fondamentale per proseguire la corsa al tricolore dei giallorossi nel 2001. Queste le sue parole:

La ricorda bene quella partita?
È stata una festa, abbiamo pareggiato ma è stato come se avessimo vinto.

Vi siete sentiti in anticipo campioni d’Italia?
Capello non ce lo ha permesso, è stato bravo a gestire la situazione. Ci ha rimessi sulla giusta strada.

Qual era il vostro segreto?
Il gruppo unito, è più importante dei singoli. Anche se noi avevamo grandi uomini e grandi giocatori, infatti la partita l’hanno risolta Nakata e Montella.

Vanno di moda tra i tifosi le classifiche di tutti i tempi, e lei in quella dei terzini c’è sempre: le fa piacere?
Molto, ma non è quello che mi fa andare avanti. Il rapporto che ho con le persone di Roma è speciale e va oltre le statistiche. La ricompensa è la gente che è venuta alla mia partita di addio, il rapporto con le persone che incontro per strada.

Totti la vuole ancora portare a lavorare con lui?
Con Francesco c’è un’amicizia da 25 anni, abbiamo vinto tante battaglie, per lui ci sarò sempre.

Se il campionato dovesse riprendere, dove può arrivare la Roma?
La Roma ha una rosa da prime quattro, se non dovesse centrare la qualificazione in Champions sarebbe una piccola delusione. Ma io punto su Fonseca.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa