Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Ecco la ripartenza a Trigoria: gruppi di 4 e docce in camera

Appuntamento alle 9.30, ma non per tutti

Già, perché oggi a Trigoria si riparte ma i 28 giocatori a disposizione di Fonseca saranno divisi in tre gruppi, che si alleneranno individualmente nel corso della mattinata (al massimo 4 per volta).

I giocatori arriveranno con la mascherina, gli verrà misurata la temperatura e ognuno si spoglierà nella sua camera, dove poi farà anche la doccia, prima di tornare a casa. A spiegare la ripartenza è Maurizio Fanchini, uno dei preparatori atletici della Roma: “Faremo dei test per capire la loro condizione fisica. Dovremo stare attenti ai carichi di lavoro, per tipologia e intensità. Abbiamo creato programmi per stimolare gli aspetti aerobici e neuromuscolari. Ci sarà sicuramente un calo da gestire per forza, velocità e accelerazione.

Oltre a tenere conto che l’isolamento sarà stato anche una buona fonte di stress“. La speranza è quella poi di reintrodurre il pallone: “Alle esercitazioni con la corsa si può abbinare l’utilizzo della palla: non c’è problema se un giocatore palleggia o corre con la palla dribblando una sagoma per poi tirare in porta. Quando si giocherà poi ci comporteremo come nel periodo delle coppe europee: ottimizzando il recupero di chi giocherà spesso e tenendo allenato chi giocherà di meno“. La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa