Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Eriksson: “Quando lasciai la Roma mi raccomandai con Dino Viola di non vendere Ancelotti”

L’ex tecnico della Lazio racconta l’anno dello scudetto

Sven Goran Eriksson, allenatore dello scudetto laziale del 2000, vive fra i boschi scandinavi e va subito al cuore di quel successo: “Quando abbracciai Cragnotti, che era il più incredulo in quel pomeriggio di grandi emozioni, gli ricordai ‘Presiente, se insieme a Mancini avesse preso prima Mihajlovic e Veron di scudetti ne avremmo tre’”.

Il momento decisivo per lo scudetto?

“La vittoria di Torino con la Juve con gran gol di Simeone. Lì capimmo che i bianconeri erano in calo e potevamo rimontare. Peccato che qualche giorno dopo si perse malamente a Valencia nei quarti di Champions, un obiettivo che quella squadra poteva inseguire. Ma quella sera in Spagna il Valencia correva tantissimo, pure troppo…”

Il sorpasso arrivò sul traguardo, il 14 maggio. E lei dopo il trionfo ebbe subito parole di grande stima per l’avversario Ancelotti: “Vincerà tanto”. Una predizione…

“Facile con Carlo. Un gran signore del calcio. Lo stimo tantissimo. Quando lasciai la Roma mi raccomandai con Dino Viola: non vendere Ancelotti. Mi rispose: “È rotto, per me può andare”. Vinse tutto al Milan da giocatore, non male per un rotto. E poi anche da allenatore”. Si legge su Sport Week.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa