Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma extralarge, troppo per Fonseca

Con i rientri una rosa di 35 elementi: bisogna cedere, Karsdorp e Olsen pronti a tornare, Florenzi invece no

Il bilancio allarma e tra i compiti dei dirigenti della Roma c’è la costruzione della prossima stagione. Considerando i giocatori che rientreranno dai prestiti, Fonseca si ritroverà 35 persone da incastrare a Trigoria, ma non tutti si tratterranno. Schick troverà un accordo per la cessione al Lipsia, ma per altri la manovra sarà più complessa, anche a causa degli stipendi alti. Olsen e Karsdorp faranno fatica a ricollocarsi, Nzonzi rimarrà in prestito al Rennes mentre Gonalons e Defrel saranno riscattati rispettivamente da Granada e Sassuolo. E’ andata male a Coric, ripartito da Almeria, è stato fermato da un infortunio e non ha giocato il 50% delle partite, condizione che avrebbe fatto scattare l’acquisto. Un caso urgente riguarda Alessadro Florenzi, che ha già lasciato intendere di non voler tornare dopo il prestito al Valencia. L’ex capitano vuole giocare con continuità, ma non tutti possono permettersi il suo stipendio. Fonseca ha chiesto la conferma di Zappacosta, Smalling e Mkhitaryan, ma in tempi di ristrettezze economiche, i costi di acquisto e manutenzione sono esagerati. La strategia è tagliare il monte ingaggi e incassare dalle cessioni di Under, Kluivert, Schick, Florenzi, Riccardi e forse anche uno tra Mancini, Spinazzola e Cristante. Si legge sul Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa