Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Dellas: “A Roma tifosi fantastici. Non si vincono trofei perché non c’è equilibrio”

Dellas: “Giocare nella Roma la realizzazione di un sogno”

Oggi a 44 anni, Traianos Dellas (Ex difensore giallorosso) fa l’allenatore e ricorda l’esperienza giallorossa in un’intervista a La Gazzetta dello Sport. Eccone uno stralcio:

Cos’è la Roma per lei?
La realizzazione di un sogno, l’unica città in cui vivrei al di fuori di Atene. Arrivai dal Perugia nel 2002, mi cercarono anche altre squadre, ma quando seppi dell’interesse dei giallorossi scartai tutte le altre proposte. Non ho giocato moltissimo, ma i tifosi erano pazzi di me. Quando uscivo di casa, ogni tanto mi saltavano addosso.

Totti ci mise e un po’ a capirla, vero?
I primi due anni alla Roma era gentile, ma non ci frequentavamo molto. L’ultima stagione, invece, uscivamo spesso. Era un icona, non poteva fare più di dieci metri senza essere fermato. È il giocatore più forte con cui ho giocato. Anni fa sono tornato a visitare Trigoria, lui mi ha accolto come un signore, come se il tempo non fosse mai passato.

Cosa pensa di Fonseca?
Ho visto diverse partite, ha un’identità e deve preservala. Gli va dato tempo. Zaniolo è un talento, e da difensore terrei anche Smalling. Ha esperienza internazionale. Ma la Roma ha sempre lo stesso problema…

Quale?
Non ha equilibrio, manca sempre qualcosa per fare il salto di qualità. I tifosi sono fantastici, negli anni hanno avuto grandi giocatori come Salah, Nainggolan, Pjanic, Alisson, oltre a Totti e De Rossi. Ma i trofei continuano a non arrivare.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News