Resta in contatto

Rassegna Stampa

Il nuovo Dpcm del romanista Conte rinvia a data da destinare il sogno scudetto della Lazio di Lotito

Prima maglia

Il Governo entra a gamba tesa sul campionato di calcio di Serie A e sulle speranze del presidente della Lazio Claudio Lotito di riprendere dal 13 giugno

In attesa che arrivino i protocolli per una vera ripresa degli allenamenti collettivi delle squadre di calcio a partire dal 18 maggio 2020, è il nuovo Dpcm a ignorare totalmente le indicazioni della Lega di una possibile ripresa del massimo campionato di calcio dal 13 giugno 2020.

A rinviare ancora la ripresa del campionato di calcio è quello che i giuristi chiamano “il combinato disposto” di due norme introdotte con il nuovo decreto che disciplina la riapertura di tutte o quasi le attività economiche del Paese.

La lettera e) dell’articolo 1 del nuovo decreto firmato dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, prevede espressamente la sospensione di «eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati».

Al massimo è consentita «la graduale ripresa delle attività sportive, nel rispetto di prioritarie esigenze di tutela della salute connesse al rischio di diffusione da Covid-19, le sessioni di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, degli sport individuali e di squadra» sempre e comunque «nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, a porte chiuse». Divieto alle competizioni sportive che, come prevede il successivo articolo 11 dello stesso Dpcm è in vigore dal 18 maggio al 14 giugno 2020. Per questo la ripresa della serie A e del sogno scudetto di Lotito è rinviato a data da destinare. Lo scrive Il Sole 24 Ore.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa