Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 4 giugno 1989: il ricordo sempre vivo di Antonio De Falchi (FOTO)

Oggi sono passati 31 anni dalla morte di Antonio De Falchi, giovane tifoso giallorosso che il 4 giugno 1989 venne ucciso a pochi passi dallo stadio Giuseppe Meazza

Sono trascorsi 31 anni dalla morte di Antonio De Falchi, giovane tifoso giallorosso che il 4 giugno 1989 venne ucciso a pochi passi dallo stadio Giuseppe Meazza, a Milano,  cinque ore prima del fischio di inizio di quel Milan-Roma, finito 4-1 per i rossoneri.

Antonio era appena sceso dal tram insieme ai suoi amici e si era avvicinato verso il cancello numero 16, quello che portava al settore ospiti dello stadio. A pochi metri dal cancello gli si avvicina un ragazzo, di circa diciott’anni, che gli chiede di fumare e il giovane giallorosso cerca di rispondere nascondendo l’accento romano. L’altro ci riprova: «Sai che ora è?» e Antonio: «Mancano cinque minuti a mezzogiorno». Questa volta la parlata romanesca gli sfugge e quel ragazzo, con fare da “nemico”, si gira e fa un gesto. Da un cantiere del terzo anello spuntano almeno trenta persone: sono tutti giovani, alcuni giovanissimi, e si lanciano verso Antonio e i suoi tre amici.

Non c’è traccia del servizio d’ordine, così i primi attimi delI’aggressione, quelli decisivi, si svolgono senza che nessuno possa intervenire. I quattro romanisti cercano di fuggire ma vengono raggiunti. Tre resta in piedi, Antonio cade e gli sono subito addosso in dieci. Lo prendevano a pugni e calci, sono soprattutto due di loro a picchiare di più. A quel punto interviene la Polizia che cerca di bloccare gli aggressori e di soccorre De Falchi, facendolo alzare.

Antonio all’improvviso perde colore e crolla a terra: un agente cerca di fargli la respirazione bocca a bocca e un massaggio cardiaco, ma niente da fare. Antonio De Falchi è entrato in coma. In pochi minuti arriva un’ambulanza, l’ospedale San Carlo è vicinissimo: ma quello che i medici del pronto soccorso si vedono consegnare è un corpo ormai privo di vita.
Il ragazzo è morto, anche se il suo corpo presenta ferite né lividi.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord