Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 5 giugno 1972: la Roma batte lo Stoke City nella Coppa Anglo-Italiana

La squadra di Herrera batte per 2-0 gli inglesi dello Stoke City. A mettere a segno entrambi i gol ci pensa Valerio Spaconi, primi due gol in maglia giallorossa

Il 5 giugno del 1972, allo Stadio Olimpico si gioca Roma-Stoke City, nella seconda giornata della fase a gironi della Coppa Anglo-Italiana. I giallorossi cercano la prima vittoria del torneo, dato l’esordio poco felice che ha visto i giallorossi sconfitti nella sfida contro il Carlisle Utd. La Roma parte bene, e dopo un paio di occasioni create, concretizza al 15′: Cappellini serve il nuovo arrivato Spadoni, che anticipa il portiere inglese Farmer insaccando la rete del vantaggio romanista. Nella restante mezz’ora di gioco la Roma soffre gli inserimenti dello Stoke City, che non riesce però a trovare la rete del pareggio.

Nella ripresa la Roma sembra scatenata: nei primi minuti sia Spadoni che Zigoni provano ad arrotondare il risultato, poi, al 53′ arriva anche la traversa colpita da Ciccio Cordova in mezza rovesciata. Pochi minuti dopo, sempre Cordova, trova l’occasione per il 2-0 spenta però dal palo. L’occasione del possibile raddoppio arriva al minuto 80, quando Salvori viene sgambettato in area. Per l’arbitro inglese James non c’è nulla, tutto rimane invariato. La partita sembra ormai destinata a concludersi 1-0, quando al 85′ Banella pesca Spadoni in area, che di diagonale buca la porta dello Stoke City, sancendo la vittoria della Roma.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord