Resta in contatto

News

Eriksson: “Mi rattrista ancora pensare a Roma-Lecce. Dino Viola era la Roma”

“La Roma con Falcao era una cosa, senza Falcao un’altra. Scudetto? La Juventus ha l’abitudine di vincere”

L’ex allenatore della Roma Sven Goran Eriksson ha rilasciato delle dichiarazioni ai microfoni di Radio CentroSuonoSport 101.5 Fm. Tra gli argomenti trattati il suo passato nella Capitale, sponda giallorossa, e il suo rapporto con il compianto Dino Viola. Ecco le sue parole:

Come sta?

Sto bene, nonostante le difficoltà del Coronavirus in tutto il mondo. Dopo l’esperienza negative nelle Filippine, ho ancora voglia di allenare ma non lì, dove ho vissuto una brutta esperienza. Se dovesse esserci qualche opportunità sono pronto a coglierla, se non arrivasse va bene uguale. Non ho preferenze tra Nazionali e club, chiaramente nelle squadre di club si vive di più a contatto con i calciatori.

Un suo ricordo personale del presidente Viola?

Solo bei ricordi, lui era la Roma: creò una grande squadra, con grandi giocatori. Quando arrivai non era facile, perchè la Roma aveva vinto uno Scudetto e aveva disputato una finale di Coppa Campioni. Trovai tanti giocatori importanti, alcuni però in là con gli anni, ero più rigido negli allenamenti rispetto a Liedholm, qualche problema questa mia gestione la creò nel primo anno. Una volta il presidente ci promise come bonus-Scudetto in regalo una Ferrari. Era un personaggio straordinario.

Il suo rapporto con Falcao?

Con lui ho sempre avuto buoni rapporti, il problema è che Paulo era infortunato, giocò 5-6 partite nel primo anno e questo fu un grande problema per me e per la squadra, con lui la Roma era una cosa, senza era un’altra. Una volta Falcao mi disse: “mister compriamo Mancini“, ma non fu possibile.

La sua Roma, è stata forse la squadra più bella esteticamente e la quadratura ci fu nella sua seconda stagione?

Sì in quella seconda stagione, giocammo un gran bel calcio, forse iniziammo un po’ tardi. Ricordo che Pruzzo all’inizio segnava poco, poi tornò il bomber di sempre. Come espressione di calcio meritavamo di vincere lo Scudetto. Purtroppo non siamo riusciti a vincere il titolo.

A Pisa ci fu l’apoteosi, migliaia di tifosi presenti, quel giorno raggiungeste la Juventus in classifica, cosa disse ai ragazzi?

Tentai di tenere i piedi per terra ai ragazzi, di mantenere alta la concentrazione, lo Scudetto era vicino.

Roma-Lecce cosa accadde?

Abbiamo iniziato molto bene, dopo abbiamo smesso di giocare, nell’intervallo ero furibondo, ricordo che Boniek cercava di calmarmi, ci siamo persi sul più bello, è stato un vero peccato. Mi rattrista ancora pensare a quell’evento, però posso dire che non ho mai creduto alle voci di combine che qualcuno faceva girare.

La sua Roma del terzo anno?

Era una squadra forte, ma con qualcuno il rapporto si ruppe. Abbiamo avuto contrasti duri con qualche calciatore, verso Pasqua dissi che se lo cose fossero proseguite così me ne sarei andato, nonostante Viola non mi volesse cambiare. Mi chiamò la Juventus l’anno prima, ma rifiutai perchè volevo vincere con la Roma: mi ero innamorato della squadra, della città, della tifoseria.

Giannini?

Era uno dei tanti talenti che la Roma aveva in quegli anni. Non si perdeva mai, non perdeva mai la testa, era un ragazzo pragmatico, serio, lavorava con grande professionalità, mi accorsi subito che sarebbe diventato un grande calciatore, aveva visione di gioco, mentalità, sono molto contento per la carriera che ha fatto.

Chi vince lo Scudetto in Italia?

La Juventus ha l’abitudine di vincere di rimanere in testa alla classifica, ma la Lazio e l’Inter hanno ancora possibilità. La Lazio prima del coronavirus, giocava meglio.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News