Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Prati, ultimo abbraccio in mezzo al campo

Funerale nel campo di calcio di un oratorio

Una cerimonia unica, come quando nel 1969 Pierino Prati fu il primo (e finora ultimo) italiano a segnare una tripletta nella storia delle finali di Coppa dei Campioni, contro l’Ajax. Non sembra neanche un funerale, visto che la chiesa è un campo di calcio di un oratorio ad Alzate Brianza.

Avvolto con una sciarpa della Nazionale con cui aveva vinto l’Europeo del 1968, una della Salernitana con cui aveva iniziato a segnare e una della Roma. Pierino ha sempre detto di avere un cuore per tre quarti rossonero e un quarto giallorosso. E quindi domenica sarà contento in ogni caso. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa