Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Ripartenza con Smalling

I giallorossi proveranno ad arrivare all’inglese

Il mercato in entrata è tutto in divenire e molto passerà dal credo tattico di Fonseca. Nonostante il filotto con il 3-4-2-1 il tecnico sta riflettendo se tornare al 4-2-3-1 ed è molto tentato. Il fatto che la Roma voglia fare un nuovo tentativo per Smalling, lascia pensare che alla fine si possa tornare con la difesa a 4. Con l’arrivo di Friedkin, a Trigoria sono convinti di poter alzare la proposta di 14 milioni di euro che lo United non ha accettato nei precedenti giorni. Poi si passerà alla ricerca di un terzino destro. Al momento non sono previsti arrivi in mediana, ma il discorso è in divenire visto che l’eventuale acquisto di un giocatore sarà subordinato alla presenza di un altro. Alcuni intermediari hanno offerto Diawara al Leeds e il club inglese si è mostrato interessato.

La questione Dzeko, poi, è da risolvere. Lo stipendio pesa sulle casse giallorosse, ma all’orizzonte non c’è nessuna squadra disposta a farsene carico. Rimane vigile, però, la Juventus. La Roma ha bisogno di alleggerire il monte ingaggi e snellire la rosa. Florenzi e Calafiori sono obiettivi della Fiorentina: in cambio è stato chiesto Castrovilli. Proseguono, invece, i contatti col Bayer Leverkusen per Olsen. Per Schick il Lipsia non si muove da 20 milioni. In Italia piace a Milan e Torino dove ritroverebbe il suo mentore Giampaolo. Difficile che i granata possano avvicinarsi ai 25 milioni che chiede la Roma, più facile proporre una contropartita come Nkoulou o Izzo, senza dimenticare che i giallorossi vorrebbero incassare solo cash. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa