Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Uomo immagine e talento puro. Zaniolo simbolo del nuovo corso

Zaniolo

La Roma ripartirà dal numero 22 e da Edin Dzeko

Il 2020 doveva essere l’anno della sua consacrazione: in campo con la Roma e all’Europeo con l’Italia. L’infortunio ha fermato il suo boom, ma poco male perchè Zaniolo resta al centro del progetto della Roma. Se con Pallotta e i conti in rosso il suo futuro era in dubbio, con Friedkin e la ventata d’aria fresca che si respirerà a Trigoria, il numero 22 penserà soltanto a giocare. Inevitabile che a 21 anni ci sia qualche caduta, ma ora Zaniolo si sta dimostrando il ragazzo che è sempre stato: vacanze in famiglia tra Liguria e Sardegna, allenamenti tutti i giorni, pochissima vita mondana e tanti bagni al mare e piscina.

E’ seguito anche da una persona di fiducia del suo agente Vigorelli. Insieme a Dzeko è stato il volto della Roma di Friedkin. Le aziende fanno a gara per averlo da testimonial, ma intanto il neo presidente lo ha messo come immagine della Roma a corredo della notizia dell’acquisto della società. Un attestato importante che sarà messo poi nero su bianco con un nuovo contratto. Le risposte sul campo, al ritorno dall’infortunio, sono state confortanti. La sua stagione si è chiusa con 33 presenze, 8 gol e 3 assist. Numeri non banali e rispetto alla stagione precedente ha segnato anche due reti in più. Si legge su La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa