Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Claudia Nainggolan: “I primi 4 mesi pensavo di non farcela. Ora sono fiera di me” (FOTO)

Claudia Nainggolan torna a parlare della sua lotta al cancro

Claudia Nainggolan torna a parlare sui social dopo più di un anno dall’inizio della sua lotta contro il cancro. Di seguito le parole della compagna di Radja Nainggolan:

1 anno, 1 mese e 9 giorni fa. Iniziavo la mia prima chemioterapia… ricordo ancora come fosse oggi. Il modo in cui mi venne data la notizia della malattia… ho ancora i brividi… per poco morivo al momento del ritiro dei referti! Non è stato per nulla facile accettarlo. Organizzarmi la vita da mamma in base alle cure, avere la forza di non crollare solo ed esclusivamente per le mie figlie, leggere la disperazione negli occhi dei miei genitori, senza contare i dispiaceri che mi sono stati regalati in questo anno da dimenticare!!! So che non è ancora finita ma dopo quello che ho affrontato per me 10 anni di pastiglie e controlli non sono nulla. Sono fiera di me stessa. Ovviamente voi avete visto solo una parte di me. Ma vi assicuro che i primi 4 mesi pensavo di non farcela. Non avevo forza e voglia di reagire. Mi sentivo morire. Ringrazio tutte le persone che mi son state vicine. Che anche solo virtualmente mi hanno regalato consigli e mi hanno incoraggiata a non abbattermi. Ringrazio i medici dell’Humanitas di Milano per avermi assistita e operata con il massimo dell’urgenza. I medici del Campus Biomedico di Roma per avermi coccolata in ogni mia terapia. Ma soprattutto i medici della Cittadella Universitaria di Moserrato per avermi accolta a braccia aperte nel periodo del Covid. Ringrazio soprattutto chi non è voluto esserci… non è da tutti stringere forte la mano di una persona malata. Chi mi ha abbandonata al mio immenso dolore. E’ grazie a tutti voi se io sono qui a raccontare la mia fottutissima esperienza. Grazie!”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

₁ ᴀɴɴᴏ﹐ ₁ ᴍᴇsᴇ ᴇ ₉ ɢɪᴏʀɴɪ ғᴀ’﹐ ɪɴɪᴢɪᴀᴠᴏ ʟᴀ ᴍɪᴀ ᴘʀɪᴍᴀ CHEMIOTERAPIA… ʀɪᴄᴏʀᴅᴏ ᴀɴᴄᴏʀᴀ ᴄᴏᴍᴇ ғᴏssᴇ ᴏɢɢɪ﹐ ɪʟ ᴍᴏᴅᴏ ɪɴ ᴄᴜɪ ᴍɪ ᴠᴇɴɴᴇ ᴅᴀᴛᴀ ʟᴀ ɴᴏᴛɪᴢɪᴀ ᴅᴇʟʟᴀ ᴍᴀʟᴀᴛᴛɪᴀ… ʜᴏ ᴀɴᴄᴏʀᴀ ɪ ʙʀɪᴠɪᴅɪ… ᴘᴇʀ ᴘᴏᴄᴏ ᴍᴏʀɪᴠᴏ ᴀʟ ᴍᴏᴍᴇɴᴛᴏ ᴅᴇʟ ʀɪᴛɪʀᴏ ᴅᴇɪ ʀᴇғᴇʀᴛɪ﹗ Nᴏɴ ᴇ̀ sᴛᴀᴛᴏ x ɴᴜʟʟᴀ ғᴀᴄɪʟᴇ.. ᴀᴄᴄᴇᴛᴛᴀʀʟᴏ﹐ ᴏʀɢᴀɴɪᴢᴢᴀʀᴍɪ ʟᴀ ᴠɪᴛᴀ ᴅᴀ ᴍᴀᴍᴍᴀ ɪɴ ʙᴀsᴇ ᴀʟʟᴇ ᴄᴜʀᴇ﹐ ᴀᴠᴇʀᴇ ʟᴀ ғᴏʀᴢᴀ ᴅɪ ɴᴏɴ ᴄʀᴏʟʟᴀʀᴇ sᴏʟᴏ ᴇᴅ ᴇsᴄʟᴜsɪᴠᴀᴍᴇɴᴛᴇ ᴘᴇʀ ʟᴇ ᴍɪᴇ ғɪɢʟɪᴇ…ʟᴇɢɢᴇʀᴇ ʟᴀ ᴅɪsᴘᴇʀᴀᴢɪᴏɴᴇ ɴᴇɢʟɪ ᴏᴄᴄʜɪ ᴅᴇɪ ᴍɪᴇɪ ɢᴇɴɪᴛᴏʀɪ… sᴇɴᴢᴀ ᴄᴏɴᴛᴀʀᴇ ɪ ᴅɪsᴘɪᴀᴄᴇʀɪ ᴄʜᴇ ᴍɪ sᴏɴ sᴛᴀᴛɪ ʀᴇɢᴀʟᴀᴛɪ ɪɴ ϙᴜᴇsᴛᴏ ᴀɴɴᴏ “ᴅᴀ ᴅɪᴍᴇɴᴛɪᴄᴀʀᴇ﹗﹗﹗”Sᴏ ᴄʜᴇ ɴᴏɴ ᴇ̀ ᴀɴᴄᴏʀᴀ ғɪɴɪᴛᴀ ᴍᴀ ᴅᴏᴘᴏ ϙᴜᴇʟʟᴏ ᴄʜᴇ ʜᴏ ᴀғғʀᴏɴᴛᴀᴛᴏ﹐ ᴘᴇʀ ᴍᴇ ₁₀ ᴀɴɴɪ ᴅɪ ᴘᴀsᴛɪɢʟɪᴇ ᴇ ᴄᴏɴᴛʀᴏʟʟɪ ɴᴏɴ sᴏɴ ɴᴜʟʟᴀ??sᴏɴᴏ ғɪᴇʀᴀ ᴇ ᴏʀɢᴏɢʟɪᴏsᴀ ᴅɪ ᴍᴇ sᴛᴇssᴀ. Oᴠᴠɪᴀᴍᴇɴᴛᴇ ᴠᴏɪ ᴀᴠᴇᴛᴇ ᴠɪsᴛᴏ sᴏʟᴏ ᴜɴᴀ ᴘᴀʀᴛᴇ ᴅɪ ᴍᴇ﹐ ᴍᴀ ᴠɪ ᴀssɪᴄᴜʀᴏ ᴄʜᴇ ɪ ᴘʀɪᴍɪ ₄ ᴍᴇsɪ ᴘᴇɴsᴀᴠᴏ ᴅɪ ɴᴏɴ ғᴀʀᴄᴇʟᴀ. Nᴏɴ ᴀᴠᴇᴠᴏ ғᴏʀᴢᴀ ᴇ ᴠᴏɢʟɪᴀ ᴅɪ ʀᴇᴀɢɪʀᴇ. Mɪ sᴇɴᴛɪᴠᴏ ᴍᴏʀɪʀᴇ. Rɪɴɢʀᴀᴢɪᴏ ᴛᴜᴛᴛᴇ ʟᴇ ᴘᴇʀsᴏɴᴇ ᴄʜᴇ ᴍɪ sᴏɴ sᴛᴀᴛᴇ ᴠɪᴄɪɴᴇ ﹐ ᴄʜᴇ ᴀɴᴄʜᴇ sᴏʟᴏ ᴠɪʀᴛᴜᴀʟᴍᴇɴᴛᴇ ᴍɪ ʜᴀɴɴᴏ ʀᴇɢᴀʟᴀᴛᴏ ᴄᴏɴsɪɢʟɪ ᴇ ᴍɪ ʜᴀɴɴᴏ ɪɴᴄᴏʀᴀɢɢɪᴀᴛᴀ ᴀ ɴᴏɴ ᴀʙʙᴀᴛᴛᴇʀᴍɪ. Rɪɴɢʀᴀᴢɪᴏ ɪ ᴍᴇᴅɪᴄɪ ᴅᴇʟʟ’HUMANITAS ᴅɪ Mɪʟᴀɴᴏ ᴘᴇʀ ᴀᴠᴇʀᴍɪ ᴀssɪsᴛɪᴛᴀ ᴇ ᴏᴘᴇʀᴀᴛᴀ ᴄᴏɴ ɪʟ ᴍᴀssɪᴍᴏ ᴅᴇʟʟ’ᴜʀɢᴇɴᴢᴀ ﹐ ɪ ᴍᴇᴅɪᴄɪ ᴅᴇʟ Cᴀᴍᴘᴜs BIOMEDICO ᴅɪ Rᴏᴍᴀ ᴘᴇʀ ᴀᴠᴇʀᴍɪ ᴄᴏᴄᴄᴏʟᴀᴛᴀ ɪɴ ᴏɢɴɪ ᴍɪᴀ ᴛᴇʀᴀᴘɪᴀ ᴍᴀ sᴏᴘʀᴀᴛᴛᴜᴛᴛᴏ ɪ ᴍᴇᴅɪᴄɪ ᴅᴇʟʟᴀ CITTADELLA UNIVERSITARIA ᴅɪ Mᴏsᴇʀʀᴀᴛᴏ ᴘᴇʀ ᴀᴠᴇʀᴍɪ ᴀᴄᴄᴏʟᴛᴀ ᴀ ʙʀᴀᴄᴄɪᴀ ᴀᴘᴇʀᴛᴇ ɴᴇʟ ᴘᴇʀɪᴏᴅᴏ ᴅᴇʟ COVID. Rɪɴɢʀᴀᴢɪᴏ sᴏᴘʀᴀᴛᴛᴜᴛᴛᴏ ᴄʜɪ ɴᴏɴ ᴇ̀ ᴠᴏʟᴜᴛᴏ ᴇssᴇʀᴄɪ… ɴᴏɴ ᴇ̀ ᴅᴀ ᴛᴜᴛᴛɪ sᴛʀɪɴɢᴇʀᴇ ғᴏʀᴛᴇ ʟᴀ ᴍᴀɴᴏ ᴅɪ ᴜɴᴀ ᴘᴇʀsᴏɴᴀ ᴍᴀʟᴀᴛᴀ. Cʜɪ ᴍɪ ʜᴀ ᴀʙʙᴀɴᴅᴏɴᴀᴛᴀ ᴀʟ ᴍɪᴏ ɪᴍᴍᴇɴsᴏ ᴅᴏʟᴏʀᴇ. È ɢʀᴀᴢɪᴇ ᴀ ᴛᴜᴛᴛɪ ᴠᴏɪ sᴇ ɪᴏ sᴏɴᴏ ϙᴜɪ ᴀ ʀᴀᴄᴄᴏɴᴛᴀʀᴇ ʟᴀ ᴍɪᴀ ғᴏᴛᴛᴜᴛɪssɪᴍᴀ ᴇsᴘᴇʀɪᴇɴᴢᴀ. #fanculo #iosonoancoraqua #? Gʀᴀᴢɪᴇ♥️

Un post condiviso da ✰ ✨ℂℒᎯUⅅℐᎯ✨ ✰ ☆ ☆ ☆ ☆ ☆ ☆ ☆ ☆ (@claudia_lai_82) in data:

16 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

16 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News