Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, Dzeko sicuro: vuole restare. Vertice con Fienga per decidere il futuro

Il bosniaco non vuole lasciare i giallorossi

Quello della Roma sarà un mercato fatto soprattutto da scambi. Il cambio di proprietà consentirà di tenere i giocatori più importanti della rosa: Zaniolo e Pellegirni. Dzeko, invece, avrà un incontro col Ceo Fienga per decidere il futuro. Piace tanto alla Juventus e all’Inter, ma lui vuole rimanere alla Roma che, se si trovasse davanti ad un’offerta importante, e se il giocatore non spalmerà il suo ricco ingaggio, potrebbe rinunciare al suo capitano.

Alcuni scambi sono già in piedi, altri ancora in fase embrionale e potrebbero concretizzarsi quando la stagione sarà già iniziata. Con il Napoli si ragiona per quello Under-Milik, con conguaglio di 15 milioni a favore della società di De Laurentiis. Anche qua la trattativa è legata al destino di Dzeko. Con il Napoli ci sono in ballo anche altri affari, ma non Veretout che è considerato incedibile da Fonseca. Si era parlato di uno scambio di prestiti Pau Lopez-Meret, ma per il momento è tramontato. Lo stesso tipo di operazione potrebbe essere messa in piedi col Torino per Sirigu.

Florenzi potrebbe finire all’Atalanta (per Gollini), alla Fiorentina (la Roma ha chiesto informazioni per Castrovilli) ma anche alla Juventus, pronta a mettere sul piatto ancora una volta Rugani e interessata anche a Kluivert. Per l’olandese in Inghilterra si è parlato di Manchester United, con cui i giallorossi stanno provando a chiudere per Smalling. Si è un po’ arenata ma è sempre in piedi, infine, la trattativa per Torreira dell’Arsenal, dove finirebbe Diawara. Lo scrive il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa