Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dal fallimento Capitale alla Coppa: Monchi, un addio tra errori e dubbi

L’incredibile parabola del ds spagnolo

Ramon Rodriguez Verdejo. Chi è costui? Si, è Monchi. Non era il Re Mida dei ds (così fu definito quando è arrivato a Roma), forse non è nemmeno il brocco visto a Roma (così è stato apostrofato quando se n’è andato).L’impressione è che Ramon, partito nemmeno troppo male, si sia incartato dopo il no improvviso di Malcom e il fallimento della trattativa per Mahrez. Non è certo la stessa cosa presentarsi subito dopo con Schick, che esterno non era e non è, e Nzonzi, che di mestiere fa il centrocampista centrale e non l’ala, per non dimenticare Karsdorp infortunato, il fragile Pastore, più i vari Marcano, Bianda (pagato circa sei milioni e mai visto).

Qualcosa non quadra nelle due descrizioni del personaggio: siamo sbagliati noi o è sbagliato lui? Gli rimproverano di essere scappato nel pieno del marasma, di aver creduto troppo in Di Francesco quando, a detta di tanti, era indifendibile. Pallotta lo aveva definito il maggior responsabile della stagione fallimentare. Un mostro insomma. Possibile sia solo colpa di Roma, dell’ambiente? Forse no, è vero che magari qui c’è meno pazienza, il tutto figlio della frustrazione per le mancate vittorie. Qui ha lasciato poco, ma almeno Zaniolo è tanta roba. A Roma si sbaglia di più, forse. Specie chi è a abituato a vivere meno pressioni. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa