Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Empasse Pau Lopez

Under

Il nodo portiere tiene banco a Trigoria

La stagione di Pau Lopez era iniziata bene, ma è finita in maniera che non era minimamente immaginabile. Quello con la Roma è un matrimonio che rischia di concludersi dopo appena un anno dal “si”. La scorsa estate Petrachi ci ha investito 25,546 milioni, oltre alla rinuncia alla metà del cartellino di Sanabria. Il portiere era stato offerto a parametro zero a Monchi prima che optasse per Olsen come sostituto di Alisson. Per non segnare una minusvalenza la Roma lo dovrà cedere per almeno 20,4 milioni di euro, una cifra che difficilmente qualcuno spenderà. La società si guarda intorno e intanto sono stati messi in lista Meret, Musso e Sirigu, ma per ora Pau Lopez non ha intenzione di lasciare la Capitale. Si vuole rilanciare e ripagare la fiducia che gli è stata data nel 2019 e dal suo entourage filtra la sensazione che difficilmente si arriverà all’addio.

Per quanto riguarda le cessioni definite quelle di Pezzella e Cetin, mentre è da capire il futuro di Schick. Il Lipsia, che non ha perso le speranze, nelle prossime ore sarà in Italia per trattare direttamente con Fienga e De Sanctis che però non possono arretrare di un centimento dalla richiesta di 25 milioni di euro. L’auspicio è che il Bayer concretizzi l’interesse mostrato nei precedenti giorni per scatenare un’asta tra tedesche. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa